Home / Spettacoli / GradoJazz chiude nel segno di Paolo Conte

GradoJazz chiude nel segno di Paolo Conte

La strepitosa edizione 2021 sabato 24 vivrà il suo gran finale sul palco dell’Arena Parco delle Rose

GradoJazz chiude nel segno di Paolo Conte

La strepitosa edizione 2021 di GradoJazz, 8 intense giornate di festival per 18 eventi, non poteva avere un evento conclusivo più clamoroso del concerto di un mito della musica nazionale e internazionale: sul palco dell’Arena Parco delle Rose, sabato 24 luglio alle 21.30, arriva Paolo Conte (Biglietteria al Parco delle Rose - ingresso da Viale Dante Alighieri - aperta dalle ore 19.30 – apertura cancelli: ore 20.00).

Il grande artista farà tappa a Grado, accompagnato da una “big orchestra" di undici elementi, con il suo tour “50 Years of Azzurro”, partito nel 2018 per la celebrazione dei 50 anni di “Azzurro”, il primo brano, interpretato allora da Adriano Celentano, che ha portato Conte ad essere conosciuto in Italia e nel mondo. L'intera tournée, così come per la data di Grado, ha registrato ovunque il sold out e proseguirà nel 2021 tra Europa e Italia. Un tutto esaurito che racconta il desiderio del pubblico di vivere e rivivere i successi immortali di questo grande artista: non si può, infatti, circoscrivere né sintetizzare in poche righe la lunga carriera e i numerosi successi dell'avvocato astigiano prestato alla musica e alla pittura.

Ci ha provato il regista Giorgio Verdelli, che ha affrontato con grande passione e originalità, nel bio pic “Via con me” uscito nel 2020, l’eclettico Principe della musica italiana. "La sua storia – scrive lo scrittore e critico cinematografico Giulio Zoppello – è piena di canzoni che egli stesso definisce “pittoriche” o comunque connesse ad una dimensione cinematografica, visiva, ad un jazz che in realtà non è mai solo jazz, è anche altro, è mille atmosfere diverse, mille storie e volti narrati in capolavori che egli o altri hanno cantato. E che sovente sono diventati quasi dei secondi inni nello stivale".

Paolo Conte porterà dunque sul palco di Grado 50 anni di musica italiana, raccontata attraverso brani memorabili diventati celebri anche fuori dai confini nazionali. Sul palco dell'Arena Parco delle Rose con Conte, che a 84 anni è ancora capace di muovere ed entusiasmare il pubblico come pochi altri, ci sarà il suo incredibile ensemble orchestrale composto da Francesca Gosio (violoncello), Nunzio Barbieri (chitarra), Lucio Caliendo (oboe, fagotto, percussioni, tastiere), Claudio Chiara (sax, flauto, fisarmonica, basso, tastiere), Daniele Dall’Omo (chitarre), Daniele Di Gregorio (batteria, percussioni, marimba, piano), Luca Enipeo (chitarre), Massimo Pizianti (fisarmonica, bandoneon, clarinetto, sax baritono, piano, tastiere), Piergiorgio Rosso (violino), Jino Touche (contrabbasso, basso elettrico, chitarra elettrica), Luca Velotti (sax, clarinetto).

Quello di Conte sarà il concerto conclusivo di una straordinaria edizione di festival che, dal 17 luglio, ha portato ancora una volta in Friuli Venezia Giulia il meglio della musica internazionale e nazionale, lasciando anche ampio spazio ai nuovi talenti emergenti che faranno molto parlare di sé. Non ci sono altre parole da aggiungere, se non "It’s wonderful… we dream of you", mr. Paolo Conte!

GradoJazz è organizzato da Euritmica, per la direzione artistica di Giancarlo Velliscig, e gode del sostegno del Comune di Grado, Regione FVG, PromoTurismo FVG, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, BCC Staranzano e Villesse e la collaborazione della G.I.T.

Info: www.euritmica.it

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori