Home / Spettacoli / Il fu Mattia Pascal di Daniele Pecci

Il fu Mattia Pascal di Daniele Pecci

Arriva a Trieste, dal 18 gennaio, dopo numerose piazze in Italia, la produzione Contrada

Il fu Mattia Pascal di Daniele Pecci

Arriva a Trieste dal 18 gennaio, dopo numerose piazze in Italia, la produzione Contrada Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello. Daniele Pecci ne firma il riadattamento e interpreta sulla scena il suo Mattia, guidato dalla regia di Guglielmo Ferro, in questa versione che ha riscosso un grande successo di critica e di pubblico oltre a numerosi "tutto esaurito".

Una nuova occasione per riflettere sul capolavoro pirandelliano, uno dei più grandi classici della letteratura. L’opera è stata più volte protagonista di diverse interpretazioni teatrali e cinematografiche e in questa versione, oltre che essere riadattata da Daniele Pecci è anche interpretata dallo stesso nel ruolo di Pascal, un uomo costretto a fuggire dalle costrizioni delle convenzioni sociali.  Il dramma dell’identità, la perdita di ogni appiglio sociale che possa dare un ruolo stabile all’essere umano, illuso nonostante tutto di poter sopravvivere all’anonimato e ricominciare da zero, sono i temi pirandelliani presenti ne Il fu Mattia Pascal che in questa rivisitazione indovinata rispetta  lo stile e atmosfere dell’autore e trasporta il pubblico in un dramma esistenziale fatto di chiaro-scuri, essenzialità e semplicità, che accentuano ulteriormente la partecipazione emotiva alla vicenda.

Mattia Pascal vive in un paese immaginario. Quando entra in possesso dell’eredità del padre, decide di farla amministrare a certo Batta Malagna che si rivela un disonesto. Le cose peggiorano nel momento in cui Mattia Pascal mette incinta la nipote dell’amministratore Malagna, Romilda, ed è obbligato a un matrimonio riparatore. Senza soldi a causa della cattiva gestione dell’eredità paterna, è costretto a lavorare presso una biblioteca e a vivere in casa dei suoceri, dove conduce un’esistenza d’inferno. Partito per tentare la fortuna con il gioco d’azzardo e vinta una somma ingente, nel viaggio di ritorno legge su un giornale che al suo paese è stato ritrovato un corpo in decomposizione il quale, incredibilmente, è stato identificato come il suo. Poiché tutti lo credono morto, è  l’occasione d’oro per cambiare identità e risolvere i suoi problemi …Eppure Mattia Pascal dovrà accorgersi  che la soluzione scelta non lo pone in un equilibrio praticabile.

Daniele Pecci, classe ’70, ha cominciato la sua carriera da giovanissimo e oggi, tra cinema, teatro e tv, è uno dei volti più amati dello spettacolo.  All’attivo vanta già 29 anni di carriera teatrale divenuto famoso per le fiction “Orgoglio”, “Il bello delle donne” e “Eravamo solo Mille”, ha debuttato al cinema con il film “Fortapàsc” di Marco Risi e nel 2010 è tra i protagonisti di “Mine vaganti” di Ferzan Özpetek con Riccardo Scamarcio. Sul palco della Contrada insieme a lui Rosario Coppolino, Maria Rosaria Carli e Adriano Giraldi, Marzia Postogna, Diana Höbel, Vincenzo Volo e Giovanni Maria Briganti. Scene di Salvo Manciagli, costumi di Françoise Raybaud e musiche di Massimiliano Pace. Repliche al Teatro Bobbio fino al 23 gennaio; lo spettacolo prosegue il suo tour in regione con il circuito ERT a Maniago il 24 gennaio e a Sacile il 25.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori