Home / Spettacoli / Il Premio Mattador alla Mostra di Venezia

Il Premio Mattador alla Mostra di Venezia

Appuntamento per il pubblico e gli addetti ai lavori per venerdì 2 settembre

Il Premio Mattador alla Mostra di Venezia

Il Premio Mattador approda anche quest’anno al Festival di Venezia. Dopo la cerimonia di premiazione dei vincitori della 13a edizione svoltasi lo scorso 17 luglio al Teatro La Fenice, Mattador torna a Venezia nell’ambito della 79a Mostra d’Arte Cinematografica.

Appuntamento per il pubblico e gli addetti ai lavori per venerdì 2 settembre alle ore 14.45 all’Hotel Excelsior del Lido nello Spazio Regione del Veneto / Veneto Film Commission. Sarà l’occasione per presentare agli appassionati cinefili il Premio Internazionale per la Sceneggiatura Mattador, dedicato a Matteo Caenazzo e alla sua passione per il cinema e le arti visive. Nel suo nome e nelle sue passioni il Concorso di scrittura per il cinema si rivolge a giovani sceneggiatori, registi, illustratori e concept designer dai 16 ai 30 anni. Il Premio, nella sua consolidata attività di 13 anni, premia i futuri talenti e li accompagna con un percorso formativo grazie a workshop, libri, audiovisivi, arte contemporanea e sviluppo progetti in dialogo con rappresentanti di film commission, case di produzione e autorità istituzionali.

All’incontro saranno presenti Fabrizio Borin, direttore artistico Premio Mattador, Mauro Rossi, responsabile EUT Edizioni Università Trieste, Jacopo Chessa, Direttore Fondazione Veneto Film Commission, Pietro Caenazzo, Presidente e Laura Modolo, Vicepresidente, Associazione Mattador. Coordina l’incontro Marcello Pedretti, sceneggiatore e responsabile Sviluppo Progetti del Premio Mattador.

Il Premio Mattador è dedicato a Matteo Caenazzo, giovane talento triestino scomparso prematuramente il 28 giugno 2009. Diplomato in decorazione pittorica, giornalista pubblicista, collaboratore al Teatro Miela e al Teatro La Fenice, Matteo ha frequentato la Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università Ca’ Foscari dove, il 17 luglio 2009, il Rettore gli ha conferito la Laurea d’Onore in Tecniche Artistiche e dello Spettacolo per la sua Tesi di laurea sul Cinema. Iscritto all’Università Roma Tre al Corso di sceneggiatura, avrebbe continuato a coltivare la sua passione per il cinema con l’obiettivo di intraprendere la professione di sceneggiatore. La sua motivata determinazione e la sua contagiosa energia hanno posto il seme da cui si è sviluppata l’attività dell’Associazione Mattador, ideatrice del Concorso.

L’Associazione Mattador dal 2009 sostiene il talento dei giovani e li accompagna con professionalità e passione verso un possibile futuro nel campo del cinema e dell’audiovisivo. Alcuni numeri: 10 Tutor, 50 Lettori per ogni edizione, 7 Curatori delle Sezioni del Premio, 10/20 Componenti di troupe per ogni produzione, 65 Relatori nelle 13 presentazioni del Premio, 13 Pregiate firme dell’arte contemporanea per il Premio d’Artista. E ancora 2.216 partecipanti, 45 borse di formazione Mattador, 11 borse di formazione Corto86, 9 borse di formazione Dolly, 10 corti e 3 lungometraggi realizzati, 4 video e 4 film brevi prodotti, 14 volumi pubblicati, 65 Componenti di Giuria in 13 edizioni (tra cui: Carlo Lucarelli, Enzo Monteleone, Wilma Labate, Gianluca Arcopinto, Valentina Pedicini, Lorenzo Mattotti, Pupi Avati, Ivan Cotroneo, Alessandro Rossetto, Stefano Mordini, Luca Lucini, Paola Randi, Alessandro Angelini, Marcello Fois).

I libri e i film realizzati, i contratti sottoscritti, le carriere intraprese testimoniano la concretezza della proposta di Mattador. Tutte le pubblicazioni sono disponibili contattando Mattador e consultabili gratuitamente in versione digitale sul sito di EUT. I video realizzati in queste edizioni sono visibili sul canale YouTube Mattador.

Il Premio Mattador è reso possibile grazie alla passione della sua squadra di lavoro e grazie contributo di MiC Direzione Generale Cinema, Regione Friuli Venezia Giulia, TurismoFVG, Comune di Trieste, Regione del Veneto, Fondazione Kathleen Foreman Casali, Fondazione Pietro Pittini, Fondazione Filantropica Ananian, Fondazione Osiride Brovedani, a donazioni private e quote associative.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori