Home / Spettacoli / L’estate sul grande schermo di Cinemazero si fa in quattro

L’estate sul grande schermo di Cinemazero si fa in quattro

A Pordenone, due arene, un festival e una rassegna, con più di 30 eventi gratuiti in città, oltre agli appuntamenti di Cinemadivino

L’estate sul grande schermo di Cinemazero si fa in quattro

Cinemazero si fa in quattro per l’estate, con due arene – splendide per location -, un festival, una rassegna, decine di eventi sotto le stelle, a Pordenone e sul territorio, in alcune tra le migliori cantine e Ville Venete. Quest’anno, il cinema all’aperto si trasferisce per la prima volta in Largo San Giorgio, tra acque e salici, e diventa a ingresso gratuito, per offrire alla città l’occasione unica di riscoprire la magia di un’esperienza collettiva. Le serate sono organizzate grazie al sostegno del Comune di Pordenone, della Regione e di FriulOvest banca.

Due mesi, oltre venti appuntamenti tra film, incontri, musica e animazione: il programma prevede la riscoperta dei grandi classici della storia del cinema, da “Uccellacci e Uccellini” (presentato a Pordenone da Ninetto Davoli, nell’anno del centenario di Pasolini), i “Blues Brothers” o “ET”, a quarant’anni dalla prima uscita in sala, accanto ai migliori successi della stagione, come “Ennio”, straordinario ritratto di Morricone, il tutto unito all’incontro con i protagonisti della settima arte.

L’inaugurazione sarà venerdì 1° luglio alle 21:30 con un evento speciale dedicato al Giappone, in collaborazione con il Paff!, il Piccolo Festival dell’Animazione, Shi’s e I-Sushi. Accanto alla proiezione de “La città incantata” nella nuova versione digitale, capolavoro del regista giapponese Hayao Miyazaki, Premio Oscar per l’animazione, ci sarà una degustazione di mochi, i tradizionali dolcetti di riso del paese del Sol Levante. Il film sarà introdotto da Mitsugu Harada, musicista e traduttore.

La seconda arena urbana di Cinemazero è in via Brusafiera, nei giardini “Francesca Trombino”, che come lo scorso anno diventano spazio UAU!: un salotto a cielo aperto per sorprendere e incantare con un programma dedicato ai viaggi, attraverso il cinema del reale di ieri e di oggi, da Cuba all’India. La rassegna estiva, in collaborazione con il Pordenone Docs Fest, tiene vive la curiosità e l’attenzione del pubblico sull’affascinante mondo del documentario e su paesi che, specialmente negli ultimi due anni di pandemia, sono apparsi ancor più lontani. Il primo appuntamento è martedì 12 luglio alle 21:30 con “Navalny”, il docufilm, premiato al Sundance Film Festival, sul più noto oppositore del regime di Putin in Russia, dal tentativo di avvelenamento all’arresto con l’accusa, mai provata, di appropriazione indebita.

In continuità, in maniera significativa, il giorno dopo, mercoledì 13 luglio sempre alle 21.30 e a ingresso libero, Piazza XX settembre ospiterà il cineconcerto per la pace in Ucraina. L’evento speciale, in collaborazione con Le giornate del cinema muto, vedrà la proiezione di “Vesnoi / A primavera”, del documentarista russo Mikhail Kaufman, capolavoro del cinema sovietico, con accompagnamento musicale dal vivo del duo composto dai tedeschi Ulrich Kodjo Wendt, alla fisarmonica, e Anne Wiemann, al sassofono e flauto. Il film narra il disgelo alla fine dell’inverno del 1929 in Ucraina: un’opera che è – oggi – di vera speranza.

In occasione del cineconcerto, Cinemazero aderisce alla campagna di sottoscrizione fondi attivata dal Teatro Verdi di Pordenone in collaborazione con la Croce Rossa Italiana di Pordenone e del Friuli Venezia Giulia, per sostenere in modo diretto i giovani colpiti dalla guerra in Ucraina, in particolare con l’attivazione di borse di studio culturali da poter utilizzare, anche all’estero, per la propria formazione.

Ancora all’interno di UAU! in via Brusafiera ritorna, dal 26 al 28 luglio, la XVIII edizione del festival internazionale di cortometraggi FMK. Sarà una giuria d'eccezione a valutare i lavori in concorso: i nomi sono quelli di Laura Samani, regista triestina David di Donatello per la migliore opera prima con "Piccolo corpo", e degli udinesi Lorenzo Bianchini, ora in sala con il suo ultimo lungometraggio “L’angelo dei muri” e Stefano Giacomuzzi, tra i maggiori talenti emergenti del cinema in Friuli Venezia Giulia.

"Siamo particolarmente soddisfatti che tre cineasti della nostra regione, autori di film di rilievo nazionale e internazionale, abbiano accettato l'invito a far parte della giuria", affermano gli organizzatori under30 di Cinemazero, che organizzano la kermesse estiva dei giovani per i giovani, "i cortometraggi rappresentano il primo passo di un regista verso carriere importanti. Per questo, accanto ad autori da tutto il mondo, con FMK vogliamo dare spazio agli aspiranti filmmaker del territorio, che invitiamo a scriverci per proporre i loro lavori".

Ma i primi a riaccendersi saranno gli schermi di Cinemadivino, ogni giovedì sera, dal 23 giugno al 4 agosto, in sette tra le più suggestive cantine e Ville Venete del Friuli e del Veneto. La rassegna enogastronomica e visionaria, che unisce film, vino e bellezze del territorio, è organizzata in collaborazione con le associazioni Le donne del vino e Ville Venete. Gli appuntamenti sono occasioni imperdibili per chi ama la magia del cinema all'aperto, abbinata alle storie e alla passione di vignaioli ed enologi, oltre naturalmente all'assaggio di vini di qualità e delle eccellenze gastronomiche locali.

Ogni serata inizia alle 19.30 con la degustazione e la visita in cantina, prosegue con la cena alle 20.30 e la proiezione di un film alle 21.30. Il prezzo speciale per ciascuna serata, che comprende cena e film, è di 25 euro. La prenotazione è obbligatoria e può essere effettuata scrivendo a fvgcinemadivino@gmail.com o inviando un messaggio whatsapp al numero 340.6895455.

La rassegna si apre il 23 giugno alle Tenute Tomasella di Mansuè, al confine tra Friuli e Veneto, tra la doc Grave e quella del Piave, con la visione del film francese "Lolo. Giù le mani da mia madre", di Julie Delpy, una commedia intelligente e sofisticata che, riprendendo con ironia il complesso di Edipo, racconta il rapporto tra madre e figlio.

Il secondo appuntamento è il 30 giugno all'agriturismo Fossa Mala di Fiume Veneto, una splendida villa di quasi duecento anni, completamente ristrutturata e immersa in un'atmosfera rurale che la rende unica e accogliente. Ad accompagnare degustazione e cena, sarà il film "Un'ottima annata" di Ridley Scott.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori