Home / Spettacoli / La condivisione ‘Profumo d’acacia’ al Teatro Comunale di Cormons

La condivisione ‘Profumo d’acacia’ al Teatro Comunale di Cormons

Giovedì 22 ottobre invece l’evento conclusivo ‘Sinapsi’ con artisti ed organizzatori al Kinemax

La condivisione ‘Profumo d’acacia’ al Teatro Comunale di Cormons

Con il progetto ARTEFICI. Residenze creative FVG ArtistiAssociati mette in dialogo artisti e compagnie italiani delle arti performative con il territorio goriziano attraverso la pratica della residenza artistica e, successivamente, con la restituzione e lo scambio degli artisti con il pubblico.
Lunedì 19 ottobre, alle 20.30, al Teatro Comunale di Cormons, con ingresso gratuito, il pubblico è invitato allo sharing di ‘Profumo d’acacia’ ultimo lavoro del danzatore Giovanni Leonarduzzi che salirà sul palco con Lia Claudia Latini e altri 6 danzatori. Profumo d’acacia è un progetto di ricerca il cui linguaggio fonda le sue radici nella break dance e sfocia nella danza contemporanea. Esplora e intreccia il movimento danzato, nuove sonorità e commistioni musicali tra diversi generi, testi e lingue. Sarebbe meraviglioso far credere al pubblico che quello che sta guardando sia effettivamente folklore quando in realtà non lo è. Uno spettacolo popolare, dove con ”popolare” si intende appartenente alla cultura del popolo, che vuole arricchire il contemporaneo con la varietà e la ricchezza della tradizione del popolo. Quanto vogliamo mentire, dobbiamo deciderlo. Quanto vogliamo trasformare la storia in “favola”. Vogliamo raccontarti una bellissima menzogna, qualcosa di magico, in un posto e in un periodo che di magico ha ben poco.

ARTEFICI2020 arriverà poi al termine dei lavori con ‘SINAPSI’ l’evento conclusivo che si svolgerà giovedì 22 ottobre, dalle 11 alle 13, al Kinemax di Gorizia. SINAPSI è un momento d’incontro, un’opportunità di scambio, un punto di contatto tra artisti, organizzatori, spettatori e istituzioni che, attraverso il dibattito e la condivisione, raccontano la loro esperienza, dialogano sulle poetiche, le pratiche e le metodologie di lavoro che hanno abitato il progetto. SINAPSI è aperto a studenti, artisti, professori, dirigenti scolastici, operatori di enti pubblici, operatori culturali, organizzazioni, associazioni, professionisti del settore culturale, giornalisti, blogger.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori