Home / Spettacoli / Langobardi - Alboino e Romans, alla scoperta delle nostre radici

Langobardi - Alboino e Romans, alla scoperta delle nostre radici

Proseguono i lavori per la realizzazione della docufiction. L'associazione Invicti Lupi OdV spiega il progetto e presenta il secondo teaser

Proseguono i lavori per la realizzazione della docufiction "Langobardi - Alboino e Romans". "Si tratta di un innovativo documentario sul mondo longobardo che racconterà in questo primo episodio la storia di Alboino - spiegano gli ideatori -, l'arrivo dei longobardi nella nostra Penisola e la fondazione dell'antico villaggio di Romans, il tutto alternando fiction ad approfondimenti storici".

La realizzazione del progetto avverrà in collaborazione con il regista Simone Vrech, la casa di produzione Base2 video Factory, lo storico Nicola Bergamo, gli archeologi Michele Angiulli, Cristiano Brandolini e Annalisa Giovannini, e diversi altri esperti ed associazioni di rievocazione storica.

"L'obiettivo della docufiction sarà il far riscoprire - spiega Matteo Grudina, presidente Invicti Lupi OdV -, conoscere ed apprezzare alla popolazione le nostre radici e la nostra identità, valorizzando il nostro passato storico e rendendolo fruibile alle generazioni presenti e future con tutti gli strumenti a nostra disposizione. Il cinema mescolato ed amalgamato all'approfondimento ed alla divulgazione storica diverrà uno strumento efficace che porterà lo spettatore a rimanere affascinato e coinvolto da ciò che vedrà, in questo modo si potrà raggiungere l'obiettivo di scatenare nel suo animo un'emozione e un interesse che lo porteranno ad approfondire la sua ricerca storica. Se “Langobardi” susciterà interesse tale da muovere future ricerche legate alla storia passata del nostro meraviglioso Territorio, allora avrà ottenuto un ottimo risultato. Attraverso questo prodotto multimediale vogliamo colpire al centro del cuore, dello spirito, delle emozioni e delle sensazioni le persone così da far germogliare rigoglioso l'interesse a conoscere l'importante passato del quale noi siamo gli eredi, un passato che abbiamo il dovere di tramandare alle generazioni presenti e future".


Il documentario verrà poi tradotto in diverse lingue (friulano, inglese, tedesco, sloveno, spagnolo, catalano) per avere un'ampia diffusione europea e verrà sottotitolato anche in lingua italiana, così da favorire anche la fascia di popolazione non udente.

La Docufiction attualmente ha il patrocinio e il sostegno della Regione Fvg, del Comune di Romans d'Isonzo, della BCC di Staranzano e Villesse, della Fondazione Carigo, dell'Agenzia Regionale per la lingua Friulana (ARLEF), di Promoturismo Fvg.

"La speranza è che questo importante progetto di valorizzazione storico-culturale del nostro territorio possa far convergere su di sé altri sostegni ed aiuti sia dal campo pubblico che da quello privato - aggiunge Grudina -, così da poter crescere maggiormente in qualità e poter divenire un efficace strumento di divulgazione storica da utilizzare nelle scuole, nelle reti museali, nel settore turistico e in quello domestico".

Sul nostro canale youtube dell'associazione è diposnibile anche il primo teaser presentato alcune settimane fa: https://youtu.be/VQGe48OYels

La Docufiction "Langobardi - Alboino e Romans" sarà un prodotto multimediale di importante valorizzazione storica che si avvarrà della sinergia tra gli efficaci strumenti offerti dal mondo cinematografico attuale e le ricchezze storiche, etnografiche e paesaggistiche delle nostra unica Regione. Sul sito www.invictilupi.org è stata allestita una sezione dedicata per inserire tutti gli aggiornamenti, notizie le troverete anche sulle nostre pagine social.

"Abbiamo attivato una campagna di crownfunding (https://gf.me/u/y9fk3p) dove potrete sostenerci attraverso un piccolo aiuto e contributo - conclude Grudina -. Ovviamente al termine della realizzazione tutti i nostri sostenitori verranno citati nel documentario e riceveranno un ringraziamento e un regalo per l'aiuto offertoci".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori