Home / Spettacoli / Lignano, si smonta il villaggio del Jova Beach Party

Lignano, si smonta il villaggio del Jova Beach Party

Dopo due giorni a tutta musica e spettacolo sulla spiaggia friulana, il tour di Lorenzo Cherubini prosegue verso Marina di Ravenna

Lignano, si smonta il villaggio del Jova Beach Party

A Lignano Sabbiadoro si smonta il mega ‘villaggio’ che nel fine settimana ha ospitato le prime due date del ‘Jova Beach Party 2022’. Oltre 60mila persone hanno raggiunto tra sabato e domenica la spiaggia Bell'Italia. Dopo il sold out da 36mila persone del primo giorno, altre 25 mila hanno raggiunto e animato ieri il 'veliero' allestito da Jovanotti. Nonostante la folla, le due date non hanno registrato intoppi o disagi, se non alcune fisiologiche code per i controlli all’ingresso alla spiaggia o per il ritiro dei token.

Un doppio appuntamento enorme, che ha creato un indotto da capogiro e che conferma Lignano come meta ideale per i grandi live e le date zero di artisti nazionali e internazionali. Lo stesso Lorenzo Cherubini ha commentato con entusiasmo l’evento descrivendolo come ‘indimenticabile’ e con il “pubblico più incredibile al mondo”.

Soddisfatto anche il presidente Massimiliano Fedriga che ha fatto consegnare all’artista una felpa marchiata ‘Io sono Friuli Venezia Giulia’. “Due giorni di show unico nel suo genere – ha commentato il governatore - un successo e una importante opportunità per tutta la regione”.

Proprio in queste ore si sta procedendo allo smontaggio dei tre mega stage dove si sono esibiti il Jova, i suoi dj e i grandi ospiti che hanno raggiunto a sorpresa Lignano Sabbiadoro, tra i quali Max Pezzali, Salmo e Gianni Morandi.

Il tour ora proseguirà con un'altra doppia data, quella organizzata nella riviera romagnola. L'8 e il 9 luglio a Marina di Ravenna si replicherà infatti quanto visto e sperimentato sull'arenile friulano. 

1 Commenti
fabar

Ringraziamo il sig. Cherubini per aver bloccato la pista ciclabile di Lignano con colonne di TIR e mezzi di ogni tipo una settimana prima del concerto e pure tutta questa necessaria per smontare il palco. Senza contare che gli operai lavorano giorno e notte!

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori