Home / Spettacoli / Miriam Prandi e l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta a teatro

Miriam Prandi e l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta a teatro

Il Comunale di Monfalcone inaugura il nuovo anno con un concerto d’eccezione, venerdì 7 gennaio

Miriam Prandi e l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta a teatro

Il Comunale di Monfalcone inaugura il nuovo anno con un concerto d’eccezione, venerdì 7 gennaio 2022 alle 20.45. Miriam Prandi, nella duplice veste di violoncellista e pianista, sarà accompagnata dall’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, sotto la direzione dell’affermata bacchetta triestina di Romolo Gessi. Inserita all’interno della rassegna musicale che mette a confronto Haydn e Mozart, la serata prevede l’esecuzione della Sinfonia in Re maggiore n. 44, il Concerto n. 27 in Si bemolle maggiore per pianoforte e orchestra di Amadeus Mozart e infine il Concerto n. 1 in Do maggiore per violoncello e orchestra di Joseph Haydn.

In questa serata “Haydn versus Mozart”, si ascolteranno tutta la ricchezza di inventiva, la naturalezza e la freschezza della scrittura musicale dei due geni austriaci. Mozart incontra Haydn, ormai famoso compositore, nel 1784. Ne nascono una profonda amicizia e ammirazione l'uno per l'altro. Scriverà Haydn a Leopold, il padre di Mozart: "Davanti a Dio e in tutta onestà, vi dico che vostro figlio è il più grande compositore che io conosca di persona o di nome. Egli ha buon gusto e, cosa ancora più importante, ha una profondissima conoscenza dell'arte di comporre". Il Concerto in Si bemolle maggiore K 595 in programma è l'ultimo concerto di Mozart e uno dei più fortunati dell'intera sua produzione. Eseguito dallo stesso autore il 4 marzo 1791 – nove mesi prima della morte – ha una struttura cameristica perché il luogo dell'esecuzione, probabilmente un ristorante, permetteva l'utilizzo di un'orchestra con un numero ristretto di musicisti. Il Concerto n. 1, composto da Haydn tra il 1761 e il 176 che si credeva perduto, viene ritrovato soltanto nel 1961 al Museo Nazionale di Praga. La prima esecuzione moderna del concerto così riscoperto è ad opera del violoncellista Milos Sádlo nel 1962 e ottiene subito un grande successo, procurando a questa composizione un'immediata diffusione internazionale.


La giovane e talentuosa interprete dei due concerti, Miriam Prandi, colpisce per la bellezza del suono, il fraseggio e il trasporto emotivo delle sue esecuzioni. Protagonista, con il Concerto in Re maggiore per violoncello e orchestra di Haydn, di una importante tournée con l’Orchestra Haydn sotto la direzione di Michele Mariotti ha riscosso il successo di pubblico e critica per la sua profondità interpretativa. Ad aprire la serata sarà la sinfonia di Mozart, eseguita dall’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, formazione attiva sin dal 1980 che, oltre a vantare collaborazioni con importanti artisti del mondo lirico e sinfonico, da oltre 10 anni si è avvicinata alla musica jazz, leggera e pop. Un concerto per un inizio d’anno nel segno della gran raffinatezza ed emozione.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori