Home / Spettacoli / Ritorna al Ristori la fortunata rassegna di Teatro in Friulano

Ritorna al Ristori la fortunata rassegna di Teatro in Friulano

Cinque spettacoli a ingresso gratuito. Si parte domenica 17 ottobre con 'La Cragne' di Carlo Tolazzi

Ritorna al Ristori la fortunata rassegna di Teatro in Friulano

Tutto pronto al Teatro Ristori di Cividale del Friuli per la Rassegna di Teatro in Friulano. Ritorna a grande richiesta l'apprezzata iniziativa con cinque spettacoli domenicali a ingresso gratuito, tutti alle ore 17.30.

Organizzata dal Comune di Cividale del Friuli, “questa stagione autunnale dedicata al teatro in friulano è molto attesa dal pubblico e riveste un ruolo importante nell’offerta culturale della città – commenta Angela Zappulla referente dell’Assessorato alla Cultura - offrendo spettacoli con lo scopo di avvicinare il pubblico alla cultura e alla lingua friulana. Gli attori metteranno in scena storie di vita del nostro popolo anche in chiave ironica mostrando la vera tradizione friulana”.

L’Associazione Teatrale Friulana (A.T.F.) aprirà la rassegna con “LA CRAGNE” il 17 ottobre 2021 cui seguirà lo spettacolo di domenica 31 ottobre con la Compagnia “ALL’OMBRA DEL CAMPANILE” che presenterà “AFFARS DI FAMEE”; il 14 novembre la Compagnia “IL TOMAT” porterà in scena “DELITTO IMPERFETTO IN CASA FIASCHETTO”; il 28 novembre la Compagnia "LA PIPINATE" ci mostrerà “NO STÂ VIERGI CHEL ARMÂR”; infine la rassegna si concluderà con la Compagnia “LA LOGGIA” con “CINC PAR UNE” domenica 12 dicembre.

Tutti gli spettacoli saranno ad ingresso gratuito e inizieranno alle ore 17.30 (il Teatro Ristori aprirà 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo).

La partecipazione prevede la prenotazione obbligatoria da effettuarsi via mail all’indirizzo teatroristori@cividale.net oppure telefonicamente allo 0432-731353. Obbligo del green pass e mascherina.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori