Home / Spettacoli / Stagione teatrale a Cormons a quota 19.700 spettatori

Stagione teatrale a Cormons a quota 19.700 spettatori

Grande soddisfazione di Walter Mramor per il gradimento del pubblico

Stagione teatrale a Cormons a quota 19.700 spettatori

Si chiude con numeri importanti e molta soddisfazione la stagione artistica del Teatro Comunale di Cormons che ha visto passare in sala più di 19.700 spettatori. Numeri che qualificano il teatro e ne danno risalto nel panorama regionale. Numeri che attestano la fidelizzazione, ma anche la frequentazione di nuovo pubblico.


Nel dettaglio le attività legate alla stagione artistica hanno totalizzato più di 11.300 persone. Tanti sono infatti gli spettatori al cartellone di prosa e gli eventi di danza e musica, oltre tutte le proposte dedicate al pubblico giovane nei percorsi di teatro scuola, teatro ragazzi e Teatro delle Meraviglie. Molto apprezzate e frequentate anche la vetrina di danza ‘Suggestioni’ e il contest ‘Bellanda Suite IV’, e la rassegna cinematografica di film d’autore che ha accompagnato gli spettatori cormonesi da ottobre ad aprile.


Ad aggiungersi altri 8400 presenze per le moltissime attività collaterali, i progetti e i festival ospitati e di cui a.ArtistiAssociati hanno curato la parte tecnica, gestionale e organizzativa.
Per quel che riguarda la stagione artistica ancora una volta è il pubblico a decretare il successo delle scelte operate dal direttore Walter Mramor, testimoniando una partecipazione costante e sempre più attenta e raffinata (totale abbonati 318). Ed anche quest’anno è stato il pubblico a ‘votare’ gli spettacoli preferiti, con un gradimento generale molto alto e, nello specifico, una preferenza per Angela Finocchiaro e il suo ‘Ho perso il filo’, per l’intenso e commovente ‘Pesce d’aprile’, incredibile racconto d’amore e di vita con Cesare Bocci e Tiziana Boschi, e per la commedia ‘Parenti Serpenti’ che ha visto per la prima volta calcare il palcoscenico cormonese Lello Arena. Ottimo il consenso ricevuto dalla dissacrante commedia musicale degli Oblivion, ‘La Bibbia riveduta e scorretta’; apprezzate le opzioni musicali con due grandi interpreti come Syria e il suo coinvolgente omaggio a Gabriella Ferri, e la intensa Traviata di Lella Costa, e quelle dedicate alla danza (questi ultimi appuntamenti hanno registrato un ottimo sbigliettamento last minute). Ma tutti gli interpreti sono stati applauditi con il consueto trasporto dal pubblico cormonese: Francesco Pannofino, Ettore Bassi, Simona Cavallari, Federico Buffa, Gigio Alberti.


«Quando i risultati sono questi – ha sottolineato Walter Mramor – la soddisfazione è grande. Vedere riconosciuto il proprio lavoro dal pubblico è la gratificazione maggiore, per questo ringrazio ancora una volta i nostri affezionati spettatori. Dimostrano un interesse costante alle proposte ed un palato esigente e competente. Devo ringraziare anche l’amministrazione comunale per la condivisione di questo progetto culturale così importante per la cittadinanza, ma anche grande catalizzatore di pubblico dall’intera provincia. Sono inoltre orgoglioso dei numeri sempre crescenti registrati dai progetti dedicati ai ragazzi, ai bambini e alle loro famiglie. La formazione è un punto fondamentale della nostra attività e di giorno in giorno questi giovani ci sorprendono per consapevolezza, senso critico e una gestione sempre più armoniosa nei rapporti interpersonali».


Molta soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore alla cultura Martina Borraccia: «La stagione teatrale 2018 /19 del Teatro Comunale di Cormòns è giunta al termine con un implemento notevole di spettatori rispetto a quella precedente, tutto ciò ci indica chiaramente che la qualità e la scelta del programma, a cura degli Artisti Associati, cresce di anno in anno rimanendo sempre attento alle novità ed alle esigenze del pubblico. In duecento giornate di apertura sono state tante le prime regionali divise tra spettacoli di prosa, musica e danza e non solo; anche le iniziative collaterali organizzate dal Comune e dalle associazioni hanno portato più di ottomila persone a Teatro, una conferma che sottolinea l'importanza di un "contenitore artistico" quale il Teatro Comunale di Cormòns che porta valore aggiunto sul territorio, non solo agli spettacoli del calendario artistico in programma, ma anche alle realtà associative locali attraverso le loro proposte culturali. Un grande augurio quindi agli Artisti Associati per la stesura del prossimo programma teatrale che, dopo la pausa estiva, aspetteremo con piacere e curiosità certi della loro inesauribile competenza!».

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori