Home / Spettacoli / Una festa ‘dal vivo’ per il 2 novembre

Una festa ‘dal vivo’ per il 2 novembre

Appuntamento con il Festival della canzone funebre, a Rivignano

Una festa ‘dal vivo’ per il 2 novembre

Una manifestazione che ha superato i confini regionali e nazionali, e che negli anni ha abbandonato l’atmosfera goliardica per avvicinarsi alla canzone d’autore. Dietro il titolo in linea con il giorno scelto – ‘Festival mondiale della canzone funebre’ – c’è una rassegna di “musica dal vivo per la giornata dei morti” che annulla e supera i festeggiamenti ‘importati’ di Halloween per innestarsi, venerdì 2 novembre, nella tradizionale ‘Fiera dei Santi’ di Rivignano.

Superati paure, tabù e scaramanzie dei primi anni, il festival presentato da Rocco Burtone (che è anche l’ideatore) con Enrico Tonazzi e Sdrindule ha abbandonato il format della ‘gara’ per virare verso una ‘rappresentazione’ delle storie funebri di alcuni dei musicisti più rappresentativi della regione. Tra dissacrazione, canzone d’autore, satira e ironia saranno al centro di uno spettacolo – dedicato all’associazione Luca Onlus – tra musica e parole.

Guido Tonizzo presenterà il suo libro ‘Vita conoscenza e mistero’ con la band Invisible Wave, gli Allegri ma non troppo proporranno sketch ispirati al repertorio degli Oblivion, Paolo Coretti & Ettore Lo Cascio porteranno il cabaret della vecchia scuola, quello più teatrale e meno televisivo. Poi ci sono i concerti: dei Guitar Sketch di Michele Pirona & Andrea Maurizio, reduci dai successi di ‘Italia’s got talent’ e altri programmi Tv, di Matias Merlo & Tryo Yerba Buena, che richiamano la tradizione sudamericana, e dello Spiritual Ensemble, con il repertorio di ‘contemporary gospel’ che esprime tutta la gamma delle passioni umane.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori