Home / Sport news / Al via le iscrizioni per la Staffetta Tre Rifugi

Al via le iscrizioni per la Staffetta Tre Rifugi

Il 21 agosto a Collina di Forni Avoltri scatta la 59esima edizione

Al via le iscrizioni per la Staffetta Tre Rifugi

La Staffetta Tre Rifugi è pronta a tornare. A Collina di Forni Avoltri l’appuntamento con la 59esima edizione è per domenica 21 agosto. Alle 10 la partenza della regina delle staffette, che si avvicina al traguardo dei sessant’anni e si conferma tra le storiche gare di corsa in montagna a livello nazionale e internazionale.

Tutto è pronto per iniziare a raccogliere le adesioni delle squadre che vorranno partecipare alla gara, inserita anche quest’anno nel circuito della Federazione Italiana Skyrunning. Con una novità: dal sito www.3rifugi.com è possibile accedere con un semplice clic dalla homepage alla piattaforma Keepsporting e perfezionare l’iscrizione alla gara dei tre componenti la staffetta. Non è obbligatoria l’affiliazione a una società, necessario invece che i partecipanti siano in possesso del certificato medico di idoneità sportiva valido per l’anno in corso. Sotto il profilo assicurativo sarà obbligatorio il tesseramento giornaliero con la Fisky, per chi non fosse già in possesso della tessera annuale. Il regolamento è comunque consultabile dal sito della staffetta.

La formula della staffetta non cambia, con tre componenti per altrettante frazioni: salita da Collina al Lambertenghi Romanin passando per il Tolazzi, attraversata fino al Marinelli lungo lo Spinotti e infine la discesa in paese transitando di nuovo dal rifugio Tolazzi.

I campioni in carica sono la Gemonatletica al maschile, reduce da una storica doppietta tra il 2019 e il 2021, e la Slovenia in campo femminile, dove l’ultimo successo italiano risale al 2014 con la polisportiva Timaucleulis.

A proposito di vincitori, c’è una novità decisamente al passo con i tempi pensata dagli organizzatori, l’Unione Sportiva Collina. I premi in denaro messi in palio per le prime staffette classificate non saranno più di diversa entità tra le categorie maschili e femminili: il montepremi delle donne verrà infatti adeguato a quello degli uomini.

LA STORIA - Nata nel 1951 e riproposta dopo una stagione di sospensione, la staffetta ha ripreso vita nel 1963 sino ad arrivare oggi al traguardo delle 59 edizioni (con l’unica pausa obbligata nel 2020), numeri che ne fanno una gara unica nel suo genere a livello nazionale e ormai consacrata a livello europeo.

Negli anni sui sentieri che si snodano tra i tre rifugi che danno il nome alla gara si sono visti i più grandi nomi del panorama sportivo internazionale, dai campioni olimpici di sci di fondo Giorgio e Manuela Di Centa a campioni mondiali di corsa in montagna, come l’idolo di Collina Gino Caneva, l’eterno Marco De Gasperi, il neozelandese sette volte iridato Jonathan Wyatt, fino ad arrivare agli azzurri di oggi: i gemelli Dematteis, Luca Cagnati, Xavier Chevrier solo per fare alcuni nomi.

E furono proprio i tre miti Wyatt, De Gasperi e Caneva a firmare nel 2007 la storica doppietta per la società organizzatrice, l’Unione Sportiva Collina, stabilendo dopo 17 anni anche il nuovo record al maschile che resiste ancora oggi (1h 10’ 45’’).

LA GARA si snoda nella sua formula classica su tre frazioni: salita, attraversata e discesa. Dalla partenza nel piccolo paese di Collina (1233 metri slm) che ogni anno si anima e si trasforma a fine agosto in una arena vera e propria, gli specialisti della salita si arrampicano fino al Rifugio Lambertenghi Romanin, passando davanti al Rifugio Tolazzi e superando in 4,5 km un dislivello positivo di 739 metri. Affascinante il primo passaggio di testimone, proprio sull’uscio del rifugio e a pochi passi dall’incantevole lago Volaja.

Da lì per i secondi frazionisti inizia il famoso sentiero attrezzato Spinotti, una spettacolare e molto tecnica attraversata di 3,8 km in quota nel massiccio del monte Coglians, che tocca il punto più alto della gara, i 2197 metri del passo Sella, prima di sfociare nella meravigliosa conca che accoglie il Rifugio Marinelli.

L’ultima frazione, spaccagambe e impressionante da seguire, è la discesa, che conduce di nuovo al traguardo di Collina in poco meno di 5 km. Il tutto in mezzo al tifo di centinaia di appassionati, per i quali la Tre Rifugi è ormai un appuntamento da non perdere, sia per il livello degli atleti che per l’atmosfera unica che si respira sui sentieri e nella frazione di Collina.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori