Home / Sport news / Eyof Fvg, a Claut partite le sfide di curling

Eyof Fvg, a Claut partite le sfide di curling

L'assessore Gibelli in Valcellina: "Abbiamo investito sul palaghiaccio per rilanciare il centro montano"

Eyof Fvg, a Claut partite le sfide di curling

"Ho voluto essere presente a Claut in questa prima giornata di gare degli Eyof 2023 per due ragioni. La prima perché il curling, così come il pattinaggio per il quale sarò mercoledì a Pontebba, è tra le discipline comunemente classificate come "minori". Ma sono proprio questi sport che nel nostro Paese negli ultimi anni stanno dando le maggiori soddisfazioni, prendendosi una sorta di rivincita sulle discipline più "blasonate". L'altra ragione è legata alla ristrutturazione e alla rimessa a nuovo del palazzetto del ghiaccio per il quale la Regione aveva previsto uno dei tanti importanti investimenti proprio in funzione della kermesse europea degli sport invernali". Lo ha dichiarato l'assessore regionale alla Cultura e allo Sport Tiziana Gibelli visitando questa mattina il palaghiaccio di Claut dove sono iniziate le prime gare degli Eyof 2023, il Festival olimpico invernale della gioventù europea che ha scelto proprio il piccolo centro montano della Valcellina per ospitale le sfide di curling.

Questa mattina il fischio d'inizio delle prime gare: a sfidarsi Lettonia-Danimarca, Turchia-Slovenia e Svezia-Norvegia.

L'European Youth Olympic Festival 2023, infatti, animerà il paese della Valcellina dal 23 al 27 gennaio: Il palaghiaccio "Alceo Della Valentina" è stato selezionato per ospitare le partite di curling anche in virtù del fatto che proprio a Claut ha sede il centro federale nazionale della disciplina. Claut - dove la disciplina sportiva sul ghiaccio viene praticato addirittura dal 1975 - si riconferma ancora una volta la patria del lancio dello stone in Italia e sarà per questa settimana si trasformerà nella capitale europea del curling.

"Grazie all'Eyof il piccolo paese della montagna pordenonese, come l'intera regione Friuli Venezia Giulia - ha aggiunto l'assessore allo Sport - può affacciarsi su una dimensione internazionale e ospitare atleti da tutta Europa elevando ancora di più il suo palaghiaccio, rinnovato e riqualificato per l'occasione. Questo importante evento sportivo transnazionale - ha evidenziato Gibelli -, alla cui organizzazione abbiamo lavorato molto coinvolgendo tutti i poli montani regionali, attira atleti e appassionati da tutta Europa e rappresenta una grande opportunità per promuovere il territorio del Friuli Venezia Giulia e il suo patrimonio culturale e turistico".

Il centro montano della Valcellina si appresta a vivere una settimana di sport dedicata ai campioni del domani nella disciplina dei lanci dello stone. Le tappe dell'Eyof a Claut, peraltro, possono rappresentare un volano per far avvicinare nuovi appassionati al curling, disciplina di nicchia che però negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede. Le semifinali, le finali e la cerimonia di premiazione sono in programma il 27 gennaio.

Da sabato scorso - giornata dell'inaugurazione con la grande manifestazione che si è svolta a Trieste - fino al 28 gennaio la bandiera olimpica di Eyof 2023 sventolerà sul Friuli Venezia Giulia. La manifestazione offre ai giovani atleti, di età compresa tra i 14 e i 18 anni, l'opportunità di competere a livello internazionale e di vivere l'esperienza unica del mondo olimpico. Il meglio degli astri nascenti europei sarà in azione negli otto giorni di gare. Al grande evento biennale europeo si prevede la presenza di un totale di 2.300 partecipanti provenienti da 47 Paesi. Oltre 1.200 i giovani atleti che si sfideranno nelle diverse competizioni nei poli montani regionali attirano migliaia di visitatori con una importante ricaduta sul fronte delle presenze turistiche.

Sono 14 gli sport invernali coinvolti: sci alpino, biathlon, sci di fondo, curling, pattinaggio artistico, sci freestyle (slopestyle - big air), ski cross, hockey su ghiaccio, short track, salto con gli sci, sci alpinismo, snowboard alpino e cross, snowboard freestyle (slopestyle - big air) e combinata nordica, distribuiti in dodici sedi di gara oltre che nelle montagne del Friuli Venezia Giulia, anche a Spittal (Austria) e Plinica (Slovenia).

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori