Home / Sport news / La fabbrica di campioni del tennis

La fabbrica di campioni del tennis

A meno di un mese dall’inizio del torneo Plava Laguna Croatia Open Umag, le anticipazioni del direttore Tomislav Poljak

La fabbrica di campioni del tennis

Sono molti i campioni germogliati sulle rive istriane. Il prossimo 22 luglio prende il via il torneo di tennis Plava Laguna Croatia Open di Umago, giunto alla 32° edizione e inserito nel circuito Atp. Per avere anticipazioni sulle novità di quest’anno abbiamo intervistato il direttore del torneo Tomislav Poljak.

La pandemia ha cambiato lo spirito delle competizioni internazionali?

“Il Covid ha cambiato il mondo intero in cui viviamo, quindi è chiaro dire che ha cambiato anche il mondo degli eventi sportivi e del tennis. Fortunatamente, quest'anno ci aspettiamo un evento simile a quelli che abbiamo avuto prima dello scoppio della pandemia. Abbiamo preparato un magnifico torneo di tennis insieme a un fantastico programma di feste e un'esperienza gastronomica unica. Questi tre aspetti del torneo di Umago garantiscono un’ottima attrattiva per un’ampia tipologia di ospiti”.

Per cosa si caratterizza il Plava Laguna Croatia Open di quest'anno?

“Parlando di tennis, siamo alla viglia di un’edizione davvero spettacolare. Carlos Alcaraz (nella foto, ndr), Jannik Sinner, Holger Rune, Lorenzo Musetti, Fabio Fognini, Borna Coric, Nikoloz Basilashvili, Filip Krajinovic, Aljaz Bedene e molti altri sono il miglior invito possibile per tutti coloro che vogliono vedere un tennis di livello mondiale. Ovviamente, le persone si concentrano su Alcaraz e Sinner, ma come è ovvio dalla nostra lista di giocatori, non sono gli unici a meritare attenzione al Plava Laguna Croatia Open Umag 2022”.

Per un torneo qual è il segreto per essere fabbrica di campioni?

“Storicamente Umago è sempre stato un torneo che offre opportunità ai giovani giocatori. Rafael Nadal ha vinto il suo primo titolo Atp a Umago, in doppio nel 2003 con Alex Lopez Moron. Il 21enne Stan Wawrinka ha vinto il suo primo titolo Atp qui in una finale contro l'adolescente Novak Djokovic. Carlos Moya è diventato un simbolo del torneo vincendo il suo primo di cinque titoli a 19 anni. Il primo titolo di Rublev è arrivato a Umago dopo aver giocato su una wild card un paio di anni prima, Carlos ha fatto lo stesso l'anno scorso, il titolo di Domi Thiem nel 2015 è stato solo il suo secondo trofeo di campioni dell'Atp Tour. Con le wild card che abbiamo offerto a Sinner (2019), Rune (2021) e gli accordi pluriennali che abbiamo fatto con artisti del calibro di Alcaraz e Musetti, continuiamo a costruire il nostro evento esattamente allo stesso modo. Abbiamo il lusso di scovare questi fantastici giovani giocatori fin dalla tenera età e finora abbiamo avuto molto successo nella scelta di quelli giusti. Non è un compito facile, ma speriamo di continuare a farlo negli anni a venire”.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori