Home / Sport news / La Tre Sere di Pordenone accende i motori

La Tre Sere di Pordenone accende i motori

Ciclismo - Con la presentazione di ieri, la 19esima edizione entra ufficialmente nel vivo

La Tre Sere di Pordenone accende i motori

Con la presentazione ufficiale di ieri, la 19esima edizione della Tre Sere Internazionale città di Pordenone accende i motori e parte a tutta velocità. Numero di iscritti in crescita e richieste di informazioni per partecipare come pubblico alla manifestazione, queste sono le prime notizie che portano ancora più fermento nella Tre Sere 2020 organizzata dagli Amici della Pista. Ma come ogni motore, serve benzina, e il velodromo Bottecchia ha la fortuna di risiedere in una delle Regioni in cui lo sport è considerato un caposaldo inamovibile.

La presenza, alla presentazione, dell'assessore allo sport Tiziana Gibelli e del consigliere regionale Ivo Moras fa intendere l’importanza che la Regione dà al ciclismo e allo sport. “Ringrazio le associazioni come voi” ha ribadito Gibelli “che in questa estate avete avuto il coraggio e la concretezza di ripartire con gli allenamenti e le gare aiutando molte famiglie che hanno così potuto accompagnare i propri figli al velodromo, riportandoli a quella normalità pre-covid”.

Moras, che arriva da Tamai, un paesino di duemila abitanti che ha avuto una squadra di calcio in serie D fino a poco tempo fa e ha un squadra di tiro alla fune che compete a carattere nazionale, si è dimostrato orgoglioso di questa manifestazione che a livello nazionale è sicuramente tra le prime in termini di prestigio e professionalità portando lustro a una Regione che tiene allo sport come poche in Italia.

“Ci sentiamo veramente voluti bene” ha espresso Eliana Bastianel, presidente degli Amici della Pista. “Ci sentiamo bene a casa e abbiamo una delle case più belle d’Italia. Senza il sostegno della Regione, tutta la nostra attività, e in particolar modo la 3 Sere, non potrebbero riuscire così bene. Per questo mi sento di ringraziare il nostro governatore Massimiliano Fedriga, che si è interessato in prima persona fin da subito affinché questa edizione travagliata del 2020 potesse svolgersi nel migliore dei modi e con la presenza del pubblico. Credo che questo dimostri la volontà di rilanciare con responsabilità la vita sociale delle persone dopo le cicatrici che hanno lasciato gli ultimi mesi”.

"Dal canto nostro - prosegue la Presidente degli Amici della Pista - lavoreremo ancora più duramente per ricambiare la fiducia fornitaci e promuovere con ancora più energia le bellezze del nostro territorio grazie anche al sostegno ormai consolidato di PromoturismoFvg nella figura dell'Assessore Sergio Emidio Bini".

Una Tre Sere e un velodromo che sono pronti a far vedere la loro bellezza a tutto il mondo, la bellezza della propria Regione e l'ospitalità della gente che la abita.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Tendenze

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori