Home / Sport news / Rally Piancavallo, lo sguardo oltre l’orizzonte

Rally Piancavallo, lo sguardo oltre l’orizzonte

Oggi apertura ufficiale delle iscrizioni. Ci sarà tempo fino al 27 aprile. Il tracciato tra Pordenone e Udine ripropone forti potenzialità di promozione della montagna friulana

Rally Piancavallo, lo sguardo oltre l’orizzonte

Duro e spigoloso come le Dolomiti friulane. Spavaldo e audace come la truppa di Knife Racing che l’ha preso in carico dall’Aci Pordenone. Il 34° Rally Piancavallo – sabato 1 e domenica 2 maggio – si prepara ad accogliere in grande stile i concorrenti dell’International Rally Cup 2021, con un percorso di alto profilo nel solco di una tradizione prestigiosa.

Il tracciato disegnato da Knife Racing è decisamente “affilato e tagliente”, in grado di fare selezione tra equipaggi e vetture, esaltando le cavallerie sotto ai cofani e il manico da derapata e controsterzo. Quest’anno si torna a scavalcare il Monte Rest, a superare i confini delle ex province di Udine e Pordenone, con la prova speciale da Socchieve a Tramonti di Sopra sulle orme degli antichi maestri: venti km di curve e tornanti, brevi allunghi, un misto con asfalto sconnesso da smanettare a ripetizione sul cambio, pigiando forte sui freni per staccare sia in salita che in discesa.

“La nostra università dei rally” secondo Andrea Zanussi, che si prese la laurea in traverso nel 1986 vincendo con una superba dissertazione su Peugeot 205 Turbo 16 davanti a Dario Cerrato su Lancia Delta S4. In attesa del ritorno alla normalità, quando sarà in grado di muovere una moltitudine di appassionati, il rally d’inizio maggio rappresenta un’importante ripartenza per le attività ricettive e della ristorazione in pedemontana, con tante prenotazioni già effettuate da equipaggi e squadre, mentre oggi aprono ufficialmente le iscrizioni.

Ci sarà tempo fino al 27 aprile per mettersi in lizza al primo atto dell’IRCup by Pirelli, caratterizzato da una sfida in due giornate: sabato 1 maggio il classico crono di “Barcis-Piancavallo” da ripetere due volte; domenica 2 maggio doppio passaggio anche su “Monte rest” e sull’inedito sviluppo della speciale di “Clauzetto”. Stavolta l’auspicio particolare di Knife Racing è di riuscire ad aumentare la partecipazione delle vetture storiche: la miscela di vecchi e nuovi protagonisti rende sempre più avvincente ogni sfida. 

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Tendenze

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori