Home / Sport news / Rally Piancavallo, un abbraccio al territorio

Rally Piancavallo, un abbraccio al territorio

L'1 e il 2 maggio si preannuncia una sfida 'vecchia maniera' con le prove su Barcis, Clauzetto e Monte Rest

Rally Piancavallo, un abbraccio al territorio

C’è in giro talmente tanta voglia di uscire e rigodersi le libertà perdute che Knife Racing e Aci Pordenone hanno pensato bene di coniugare il sentimento comune in un 34° Rally Piancavallo nuovamente esteso come un abbraccio al territorio.

Oltre cento chilometri di prove speciali per esaltare i nostri luoghi pedemontani con “una sfida vecchia maniera forte” - parole del presidente Aci, Corrado Della Mattia - che darà il via all’International Rally Cup 2021. Sabato 1 maggio appuntamento al mattino in piazza a Maniago per le procedure di verifica di equipaggi e auto, mentre lo shake down (test con assetto da gara) si svolgerà in zona Poffabro, nello splendido borgo del comune di Frisanco.

Nel pomeriggio lo start della prima prova speciale “Barcis-Piancavallo”, circa 20 km per salire dal lungolago ai ripetitori di Castaldia. Poi riordino in piazza ad Aviano, controllo di passaggio a Polcenigo e ripetizione all’ora di cena, montando fanalerie supplementari per sciabolare luce su curve e tornanti. Domenica 2 maggio emozioni rombanti che si spostano a nordest con le prove speciali di “Clauzetto” e “Monte Rest”.

Per la prima volta nella storia del rally, le auto in prova speciale passeranno proprio per il centro di Clauzetto, messo in sicurezza ma aperto allo spettacolo rasente case e muretti. “Siamo entusiasti di accogliere il rally nel cuore del nostro paese – sottolinea il sindaco Flavio Del Missier – per il legame storico e direi persino affettivo con questa sfida sportiva che rappresenta una straordinaria vetrina per il territorio”.

Poi la carovana delle auto sfilerà verso Vito d’Asio, Pielungo, San Francesco, per entrare in Carnia da Sella Chianzutan, fare rifornimento a Villa Santina, salire a Socchieve e affrontare il crono del “Monte Rest” (21,8 km). Dopo il primo giro riordino a Maniago, dopo il secondo passaggio sulle stesse prove riordino a Tramonti di Sopra, quindi l’ultimo assalto a Clauzetto prima di rientrare a Maniago per la cerimonia di arrivo e premiazione in piazza. Un Rally Piancavallo dunque in formato extralarge nonostante le restrizioni Covid, fedele alla tradizione di corsa dura e selettiva, come certamente avrebbero voluto i suoi padri fondatori.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Tendenze

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori