Home / Tendenze / 'Alias' per gli studenti che vogliono cambiare sesso

'Alias' per gli studenti che vogliono cambiare sesso

L'Università di Udine va incontro agli iscritti durante la 'fase di transizione', evitando loro imbarazzi e di dover giustificare scelte personali e private in contesti pubblici

\u0027Alias\u0027 per gli studenti che vogliono cambiare sesso

L’Università di Udine propone agli studenti che, “dopo aver effettuato la rassegnazione chirurgica del sesso, siano in attesa dell’autorizzazione del giudice alla modificazione dei propri atti anagrafici” di assumere un’identità di genere ‘alias’. Così evidenzia un avviso pubblicato qualche giorno fa dall’ateneo friulano sul proprio sito: “la Segreteria Studenti” si legge “provvederà a stampare una nuova tessera identificativa che riproduce la nuova identità”.

 

In pratica durante la fase ‘di transizione’ lo studente o la studentessa possono effettuare esami che vengono registrati su una nuova ‘student card’ appositamente creata. L’unica differenza è la dicitura ‘alias’ che identifica il soggetto durante questo delicato periodo. Si evitano gli universitari interessati situazioni imbarazzanti, come ad esempio ad una ragazza di dover esibire un documento che riporta generalità maschili. Completati gli studi, al conseguimento della laurea o al decadimento dello status di studente, l’identità provvisoria “perde ogni effetto e il titolo conseguito e le relative certificazioni vengono rilasciati utilizzando le generalità originarie”, conclude l’avviso.

 

L’Università di Udine è tra le prime in Italia, dunque, a organizzarsi su questo fronte: una decina al massimo sono gli atenei che in questo campo sono dei pionieri. A coordinare l’iniziativa è la docente Fabiana Fusco.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori