Home / Tendenze / A Udine e Pordenone sosta gratuita sulle strisce blu

A Udine e Pordenone sosta gratuita sulle strisce blu

Il provvedimento per evitare che gli automobilisti escano di casa per rinnovare il ticket e per agevolare chi si reca in città per motivi di lavoro

A Udine e Pordenone sosta gratuita sulle strisce blu

Parcheggi gratuiti a Udine e Pordenone, anche sulle strisce blu. E' quanto ha stabilito delle due Giunte comunali.

 

A Udine la Giunta si è riunita oggi in Salone del Popolo in seduta straordinaria, alla luce del perdurare dell’emergenza epidemiologica da coronavirus.
Il provvedimento è stato concordato con il Sistema Sosta e Mobilità che prevede la gratuità della sosta negli stalli a pagamento a raso e la proroga degli abbonamenti per residenti su strada fino 25 marzo 2020.

A Pordenone saranno gratuiti i parcheggi blu su strada da lunedì 16 fino al 27 marzo. "E’ una misura – spiega il sindaco Ciriani - per dare un piccolo aiuto a chi deve lavorare o deve muoversi per reali esigenze. Sia ben chiaro che ciò non toglie – precisa - che ci si muove e si parcheggia a Pordenone solo per lavoro, salute, incombenze improrogabili. Continueranno a tale proposito i controlli delle forze dell’ordine per verificare che gli spostamenti siano coerenti con quanto stabilisce il decreto. Ci sono 206 euro di multa e ci si sporca la fedina penale. Non val la pena. Da lunedì 30 – spiega ancora il sindaco - i parcheggi torneranno a essere a pagamento per una questione giuridica: non li possiamo sospendere continuativamente per più di 15 giorni. Se l’emergenza continuerà, prenderemo, dopo qualche giorno, nuovi provvedimenti di sospensione del pagamento. Non possiamo invece sospendere e rimborsare gli abbonamenti ai parcheggi blu – puntualizza Ciriani -  non possiamo permettercelo. Con gli abbonati mi scuso, ma sono sicuro che, vista l’ermegenza, capiranno che facciamo quello che possiamo".


Attenzione, però! Non si tratta di un invito a raggiungere in auto il centro. Tale comportamento andrebbe infatti a violare le regole sugli spostamenti indicate dal Presidente del Consiglio dei Ministri e che sono oggetto in questo giorni di controlli severi delle Forze di Polizia. L’obiettivo è quello di evitare che i cittadini siano costretti a uscire di casa per rinnovare ticket o abbonamenti e permettere a coloro che sono costretti per lavoro a spostare l’auto di cercare liberamente il parcheggio più vicino al proprio luogo di lavoro all’andata e alla propria casa al ritorno evitando così inutili lunghi spostamenti.

L’Amministrazione rinnova il proprio invito a rispettare scrupolosamente non solo le norme igieniche e comportamentali indicate dal Ministero della Salute ma anche le prescrizioni sugli spostamenti indicate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, la cui violazione configurerebbe un illecito di natura penale.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori