Home / Tendenze / Acqua Dolomia strega i cinesi

Acqua Dolomia strega i cinesi

Prima attività realizzata grazie alla recente partnership con il Consorzio Prosecco Doc negli spazi della scuola pordenonese Qucinando

Acqua Dolomia strega i cinesi

Acqua Dolomia ha incontrato una delegazione cinese invitata in Italia dal Consorzio Prosecco DOC con cui Acqua Dolomia ha definito, di recente, una partnership. La delegazione, composta da due giornalisti, un importatore, una sommelier e la direzione della Shanghai Trade Cooking school, ha avuto modo di conoscere la realtà di Acqua Dolomia, già presente in territorio cinese, durante l’incontro che si è tenuto nella sede di Qucinando, la scuola di cucina di Pordenone (nella foto scattata da Sandro Sedran). 

"L’interessante incontro con la delegazione rappresenta una delle prime attività realizzate grazie alla partnership con Consorzio Prosecco DOC – dichiara Gilberto Zaina, amministratore delegato –. Quella con il Consorzio è una collaborazione ambiziosa che valorizza la contiguità territoriale tra le Dolomiti e le colline dei vigneti del prosecco e rivela la sinergia tra soggetti che promuovono prodotti e cultura italiani a livello internazionale. Da alcuni anni ormai, la nostra azienda ha instaurato importanti rapporti con la Cina che rappresenta uno dei mercati prioritari per volume e opportunità di sviluppo a medio e lungo termine in termini di export del nostro prodotto. Il nostro obiettivo è far conoscere a livello internazionale la qualità italiana in termini di prodotto e di design del packaging. Inoltre, - conclude Zaina – riteniamo particolarmente efficace l’iniziativa del Consorzio Prosecco DOC che, tramite un accordo con la Shanghai Trade Cooking School, ha dato vita a questo progetto con l’intenzione di veicolare in Cina una vera e propria cultura del vino attraverso la formazione di giovani studenti cinesi che diventeranno ambasciatori del Prosecco nel loro Paese" conclude Zaina.

"Per noi è stato un onore ospitare questo incontro che ha assunto un significato fortemente simbolico. Infatti, la nostra scuola di cucina ha avuto modo di accogliere i rappresentanti della Shanghai Trade Cooking School, offrendo loro tutta la qualità delle materie prime italiane rese uniche dal talento dei nostri chef", conferma Silvia Moretto, proprietaria di Qucinando, la scuola di cucina di Pordenone.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori