Home / Tendenze / Ambiente, cultura, società - I futuri del mondo

Ambiente, cultura, società - I futuri del mondo

Sabato 9 novembre a palazzo Kechler a Udine il seminario di studi massonici

Ambiente, cultura, società - I futuri del mondo

Ambiente, cultura e società sono i tre temi d'attualità su cui si concentra il XIV seminario di studi massonici, in programma il 9 novembre a Udine, alle 16, nella consueta sede del prestigioso palazzo Kechler.

I futuri del mondo, secondo le legittime aspirazioni del miglioramento della condizione dell'essere umano. Da sempre al servizio dell'umanità e sensibile ai cambiamenti epocali in corso, la Massoneria udinese, sotto il cappello del Collegio circoscrizionale regionale e del Grande Oriente d'Italia, affronta questi temi con relatori di spicco.

Moderati dal giornalista Angelo Di Rosa, interverranno il professor Vincenzo Pepe, presidente di "FareAmbiente" e docente di diritto dell'ambiente alla Seconda Università di Napoli, poi Antonio Riello, eclettico e visionario artista, membro del board strategico di "Arteprima", nonché il professor Furio Honsell, ordinario di Teoria degli Automi presso l'Ateneo di Udine, di cui è stato rettore e già sindaco del capoluogo friulano.

Come sempre, le conclusioni sono affidate al Gran Maestro Stefano Bisi. "Una più responsabile tutela del pianeta è la base da cui ripartire per salvaguardare l'armoniosa bellezza del Creato e la nostra stessa sopravvivenza. Dobbiamo guardare al Cielo - sottolinea il Gran Maestro - rendendo ancora più forti le radici del terreno di cui ci nutriamo e dell'aria che respiriamo".

Come si conciliano il progresso e il lavoro con il diritto alla salute e con la conservazione dell'ambiente? Interrogativi a cui risponderanno gli illustri relatori nei loro interventi, ma è fuori di dubbio che va trovato un equilibrio, utilizzando la tecnologia per vivere meglio. Non a caso l’immagine sul frontespizio del programma del seminario riproduce un particolare del “Codice Atlantico” di Leonardo da Vinci. Raffigurata, sulla sinistra, una macchina idraulica per il sollevamento dell’acqua negli opifici; a destra la versione per il sollevamento dell’acqua da un pozzo e il convogliamento verso un acquedotto domestico.

"Nell’anniversario dei cinquecento anni dalla morte di Leonardo - spiegano gli organizzatori Guido Ricci e Marco De Carli - abbiamo scelto di rappresentare l’acqua come simbolo di lavoro e di vita, elemento essenziale per ogni futuro del mondo".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori