Home / Tendenze / Archivio Segreto Vaticano: è goriziano l'ultimo diploma

Archivio Segreto Vaticano: è goriziano l'ultimo diploma

Archivio Segreto Vaticano: è goriziano l\u0027ultimo diploma

Ad averlo Vanni Feresin. Dal 28 ottobre l'istituzione ha cambiato nome

È goriziano l’ultimo diploma in archivistica consegnato dall’Archivio Segreto Vaticano. Vanni Feresin, infatti, è stato l’ultimo ad aver conseguito, il 16 ottobre, un diploma con tale titolo, dato che qualche giorno dopo l’istituzione ha cambiato nome in Archivio Apostolico Vaticano. Il tutto dal 28 ottobre dopo la Lettera Apostolica in forma di Motu Proprio firmata dal Santo Padre Papa Francesco. “L’esperienza storica insegna che ogni istituzione umana, sorta pure con le migliori tutele e con vigorose e fondate speranze di progresso, toccata fatalmente dal tempo, proprio per rimanere fedele a se stessa e agli scopi ideali della sua natura, avverte il bisogno, non già di mutare la propria fisionomia, ma di trasporre nelle diverse epoche e culture i propri valori ispiratori e operare quegli aggiornamenti che si rendono convenienti e a volte necessari – scrive il Papa. Che prosegue sottolineando come il termine ‘segreto’ volesse intendere qualcosa di privato, non di segreto in sé, ma facendo valere il significato dell’etimologia latina.

“Il termine Secretum, entrato a formare la denominazione propria dell’istituzione, prevalsa negli ultimi secoli, era giustificato, perché indicava che il nuovo Archivio, voluto dal mio predecessore Paolo V verso il 1610-1612, altro non era che l’archivio privato, separato, riservato del Papa. Così intesero sempre definirlo tutti i Pontefici e così lo definiscono ancora oggi gli studiosi, senza alcuna difficoltà. Questa definizione, del resto, era diffusa, con analogo significato, presso le corti dei sovrani e dei principi, i cui archivi si definirono propriamente secreti. Con i progressivi mutamenti semantici che si sono però verificati nelle lingue moderne e nelle culture e sensibilità sociali di diverse nazioni, in misura più o meno marcata, il termine Secretum accostato all’Archivio Vaticano cominciò a essere frainteso, a essere colorato di sfumature ambigue, persino negative. Avendo smarrito il vero significato del termine secretum e associandone istintivamente la valenza al concetto espresso dalla moderna parola «segreto», in alcuni ambiti e ambienti, anche di un certo rilievo culturale, tale locuzione ha assunto l’accezione pregiudizievole di nascosto, da non rivelare e da riservare per pochi”.

“Sollecitato in questi ultimi anni da alcuni stimati Presuli – conclude il Pontefice - nonché dai miei più stretti collaboratori, ascoltato anche il parere dei Superiori del medesimo Archivio Segreto Vaticano, con questo mio Motu Proprio decido che da ora in poi l’attuale Archivio Segreto Vaticano, nulla mutando della sua identità, del suo assetto e della sua missione, sia denominato Archivio Apostolico Vaticano”.

Vanni Feresin, (in foto col papà Vittorino il giorno della consegna, ndr)nato a Gorizia nel 1980, di professione è archivista, paleografo e diplomatista. Da oltre un decennio si occupa della conservazione e della valorizzazione delle memorie storiche documentarie del Friuli-Venezia Giulia e soprattutto dell'Arcidiocesi di Gorizia e della diocesi di Trieste. Decine di interventi di riordino al suo attivo con il merito di aver salvato e resi nuovamente fruibili i preziosi e antichi archivi di Aquileia, Gradisca d’Isonzo, San Canzian d’Isonzo e di San Lorenzo di Servola a Trieste. Prolifico studioso, ha all'attivo già una decina di pubblicazioni monografiche come la trilogia ‘Petali di Gorizia’ o gli importanti libri dedicati alla pittrice Emma Galli Gallovich e all'architetto Guglielmo Riavis, oltre a centinaia di articoli sulla storia e l'arte locale. Pubblicista dal 2012 e anche organista da oltre vent'anni e direttore di diverse corali amatoriali.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori