Home / Tendenze / Caro Babbo Natale, a Gorizia oltre mille letterine

Caro Babbo Natale, a Gorizia oltre mille letterine

Il sindaco Ziberna ha incontrato gli alunni i cui temi sono stati segnalati

Caro Babbo Natale, a Gorizia oltre mille letterine

"Da questi pensieri scritti o disegnati dai bambini, arriva una contagiosa sferzata di energia e di speranza. Sono stati tutti fantastici". Il sindaco, Rodolfo Ziberna, parla con entusiasmo dell'iniziativa "Caro Babbo Natale, quest'anno vorrei...", promossa nell'ambito del Dicembre goriziano dalla segreteria del sindaco, che ha visto il coinvolgimento delle scuole dell'obbligo cittadine.

Hanno partecipato la media Ascoli, sei scuole elementari (De Amicis, Rismondo, Merici, Ferretti, Ungaretti e Pecorini) e sei dell'infanzia (Furlani, Soncek, Bosco incantato, Clemente, Boemo e Agazzi). Fra letterine e disegni sono arrivati quasi mille elaborati.

Questo pomeriggio Ziberna ha ricevuto alcuni dei protagonisti dei messaggi a Babbo Natale, i cui pensieri hanno rappresentato l'insieme dello spirito contenuto nelle letterine. Erano accompagnati da genitori, insegnanti e dirigenti e l'incontro ha conosciuto momenti di vera emozione alla lettura di alcuni pensieri "raccontati" dai bambini, apparsi emozionati e felici, che hanno colpito per freschezza, genuinità e profondità.

"Non ci aspettavamo una partecipazione così elevata- rimarca il sindaco- e voglio ringraziare di cuore gli insegnanti e i dirigenti scolastici per la sensibilità dimostrata nel coinvolgere i bambini. I pensieri espressi nelle letterine hanno messo in luce il ruolo fondamentale della famiglia e uno dei desideri più grandi espressi dai bambini è di trascorrere più tempo con mamma e papà. Ma mi ha colpito anche la diffusa richiesta fatta a Babbo Natale affinché dia loro più voglia di studiare perché non vogliono deludere genitori e insegnanti. Ho visto nei temi una grande freschezza, spesso ironia e comunque aspettative per il futuro anche sui grandi temi come l'ambiente e la pace. Senza però dimenticare, alla fine, di dire a Babbo Natale che se gli avanzava qualcosa avrebbero gradito anche un regalo personale. Fantastici. Mi sono sentito davvero orgoglioso di essere il sindaco di questi giovani Goriziani con cui dobbiamo parlare più spesso perché ci riportano a quelli che sono i valori più importanti a partire dalla famiglia".

Il sindaco evidenzia quindi che non è stato possibile fare un classifica dei disegni perché "tutti belli alla stessa maniera" e anche per i temi non è stato semplice. "I ragazzi sono stati tutti meravigliosi e si è deciso di segnalare alcuni pensieri che rappresentavano la sintesi dei contenuti delle letterine. Ho inviato una lettera alle scuole per ringraziare tutti per questa bellissima esperienza".

I ragazzi che hanno incontrato il sindaco, accompagnati da genitori, insegnanti e dirigenti scolastici sono, per la categoria B, ovvero seconde e terze elementari, Denis Hajdic (scuola Ungaretti) e Gabriele Chiarion (scuola Ferretti). Per la categoria C, quarte e quinte, Tommaso Tarmati (scuola Ungaretti). Per la categoria D, medie, Francesco Ussai (cl. I), Clara Panarielli e Matteo Lamanda (cl. III).

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori