Home / Tendenze / Come trovare lavoro nel settore del legno-arredo

Come trovare lavoro nel settore del legno-arredo

Brugnera - Venerdì 6 febbraio alla Scuola del mobile 'Zanussi', Openjobmetis darà vita a una giornata per spiegare agli studenti come trovare un impiego

Come trovare lavoro nel settore del legno-arredo

Più orientamento per battere la disoccupazione giovanile. Ne è convinta Openjobmetis, l’Agenzia per il Lavoro italiana guidata dall’AD Rosario Rasizza, che venerdì 6 febbraio (dalle ore 10:30 alle 12:30) sarà in aula con i ragazzi dell’I.S.I.S. “Lino Zanussi” a Brugnera per una lezione di formazione e orientamento al mondo del lavoro rivolta alle ultime classi.

L’iniziativa, già conosciuta come Openschool Day, nasce per aiutare gli studenti nella comprensione dell’attuale mercato del lavoro, cambiato nelle sue dinamiche, norme ed esigenze. Se è vero che “trovare lavoro è un lavoro”, come sostiene l’AD Rosario Rasizza, e che di questi tempi può risultare più difficile che in passato, serve prepararsi a dovere. Openjobmetis spiegherà ai ragazzi come fare. Partendo dagli accorgimenti utili a scrivere un CV impeccabile, il primo strumento di valutazione di un candidato e decisivo nel determinare il passaggio alla fase successiva, quella del colloquio. Per poi passare a come affrontare l’intervista conoscitiva, gettando una luce positiva sul proprio percorso scolastico e valorizzando le qualità personali, per far intravedere le proprie potenzialità in caso di impiego. Inoltre, durante la lezione, Openjobmetis chiarirà ai ragazzi quali sono i diritti e gli obblighi di un lavoratore e cosa vuol dire lavoro in somministrazione (meccanismi e regole).

Parteciperanno alla lezione anche la Mosian&Co e la Sistem Lavorazione Montaggi, aziende del settore legno di Pordenone, insieme alla Cartimballo di Treviso specializzata nella lavorazione del cartone. Grazie a loro, gli studenti conosceranno quali sono le competenze trasversali, le cosiddette soft skills, più ricercate dalle aziende. Fra queste, precisione, tolleranza allo stress, flessibilità, capacità di organizzare e pianificare il lavoro, fare squadra.

L’Istituto tecnico I.S.I.S., nato dall’unione del sistema moda ITI e di I.P.S.I.A, Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato, mantiene un forte legame col territorio e i distretti industriali, con un occhio sempre puntato alla dimensione internazionale, a cui sempre più spesso le nostre imprese guardano con interesse. In questo settore la ricerca di personale è variegata: comprende figure generiche come l’addetto all’imballaggio e assemblaggio e figure più specializzate come l’addetto foratrice, addetto squadra borda, addetto alla post formatura o addetto al rivestimento. Una giornata che rappresenta quindi un arricchimento per i tanti giovani che, tra poco tempo, conclusa la scuola, dovranno decidere come affrontare il proprio futuro.  

“L’Openshool Day è pensato per fare chiarezza sul mondo del lavoro e aiutare i ragazzi a orientarsi nella ricerca del primo impiego – afferma Chiara Zonzin, Responsabile area Friuli Venezia Giulia di Openjobmetis –. Gli studenti della Scuola del mobile possono contare su una formazione professionale qualificata e su un territorio, l’Alto Livenza, ad alta densità produttiva che offre reali opportunità. Nel 2014, infatti, abbiamo assunto in Friuli 2600 lavoratori: circa 1500 nella sola provincia di Pordenone. Le assunzioni si sono concentrate nel settore del legno, per attività legate alla realizzazione dei componenti per l’arredamento, all’imballaggio e alla verniciatura, e in quello metalmeccanico per lavori di precisione sulle macchine utensili, di saldatura e carpenteria”.

Nell'articolo sotto leggi il reportage: Dalle stalle alla 'cassa': una storia incisa nel legno

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori