Home / Tendenze / ComuniCiclabili, la Fiab premia Pasiano

ComuniCiclabili, la Fiab premia Pasiano

L'Amministrazione ha ricevuto la bandiera gialla e tre 'bike smile'

ComuniCiclabili, la Fiab premia Pasiano

Giovedì 7 aprile si è tenuta la cerimonia virtuale per la quinta edizione del progetto “ComuniCiclabili”, promosso da Fiab - Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta. Pasiano di Pordenone si conferma, per il secondo anno consecutivo, bandiera gialla Fiab per l’impegno nella promozione e nella realizzazione di infrastrutture e politiche a favore della bicicletta, confermando la valutazione di tre bikesmile.

Fiab ComuniCiclabili è nato per stimolare le amministrazioni locali nello sviluppo di politiche di mobilità ciclistica: scelte fondamentali per il buon esito della transizione virtuosa delle città. Il riconoscimento attribuisce ai territori un punteggio da 1 a 5, assegnato sulla base di un’analisi oggettiva dei molteplici aspetti che interagiscono con la bicicletta quale mezzo di trasporto sostenibile.

Quattro le aree di valutazione: mobilità urbana (ciclabili urbane/infrastrutture, moderazione traffico e velocità), governance (politiche di mobilità urbana e servizi), comunicazione & promozione, cicloturismo. La valutazione di quest’anno considera anche gli interventi previsti nel recente Decreto Semplificazioni come, ad esempio, il doppio senso ciclabile e le “strade ciclabili urbane” (cosiddette E-bis), oltre agli “itinerari ciclopedonali” (strade F-bis), che hanno una grande potenzialità in ottica pendolarismo e cicloturismo. Il punteggio assegnato è indicato con il simbolo dei “bike smile” sulla bandiera gialla di FIAB ComuniCiclabili consegnata al comune insieme al documento di valutazione in cui, oltre alle motivazioni, sono riportati utili suggerimenti per l’amministrazione locale in merito a scelte da intraprendere e interventi da attuare per migliorare nel tempo il livello di ciclabilità già raggiunto. Ogni anno, infatti, FIAB verifica lo stato di tutti i comuni in rete e rinnova il punteggio assegnato, adeguandolo ai passi compiuti dalla singola amministrazione.

Il giudizio di FIAB. Entrato lo scorso anno, Pasiano di Pordenone si conferma ComuneCiclabile da 3 bikesmiles con punteggio lievemente in crescita (il 4° bikesmile infatti è a portata di mano). Bene la prima linea pedibus attivata quest'anno che, con la pianificazione Melinda (biciplan d'area), innalza il punteggio nell'ambito della Governance. Si consiglia di istituire ampie zone 30 per aumentare il punteggio nella Moderazione, ambito ancora troppo debole.

“Dopo lo scoppio della guerra in Ucraina Fiab ha fatto un appello alle amministrazioni locali, si è interrogata sui temi, sulle problematiche e sul ruolo che può avere – riporta il vicesindaco e assessore con delega a Innovazione digitale e connettività Astrid Presotto -, facendo emergere due questioni aggiuntive: una etica e una energetica. Quella etica pone come con il consumo di gas finanziamo la Russia, mentre la necessità sarebbe quella di chiudere i rubinetti finanziari degli aggressori; mentre la questione energetica prende in esame la necessità di utilizzare più energie rinnovabili a dispetto dei combustibili fossili. Le azioni quotidiane di ognuno di noi hanno un grande e forte impatto. C'è la necessità di ampliare i parchi e le aree verdi, le piste ciclabili e pedonali come stanno facendo anche altre città europee tra cui si ricordano Valencia e Parigi. Anche noi come comune dovremmo seguire questa linea. È fondamentale risparmiare ora qualsiasi tipo di energia per non influire negativamente sul futuro quando ne avremmo davvero bisogno. La possibilità di risparmio maggiore è non utilizzare l'automobile. Infatti, due spostamenti in auto su tre sono per tragitti inferiori ai 3 chilometri. Importante è ispirarci e seguire quanto riportato nel decreto rilancio e nel decreto semplificazione e potenziare corsie ciclabili, estendere strade 30 km/h, strade scolastiche e progetti di pedibus e di bicibus come servizi comunali e anche progetti di salute pubblica”.

Anche il sindaco di Pasiano, Edi Piccinin, sottoscrive e riporta i propositi dell’amministrazione: “Entro l'anno approveremo il Biciplan già adottato a febbraio 2021. Siamo infatti in attesa del parere da parte della Regione. Inoltre, amplieremo le zone 30 km/h sfruttando alcune strade non particolarmente frequentate che rientrano nella nostra pianificazione anche come suggerito da FIAB. Infine, in futuro speriamo di riuscire a potenziare il cicloturismo nei nostri territori date le numerose ville venete presenti a Pasiano, le diverse aziende agricole e gli spazi verdi che meriterebbero di essere valorizzati”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori