Home / Tendenze / Conoscersi attraverso l'arte

Conoscersi attraverso l'arte

Conoscersi attraverso l\u0027arte

Appuntamento giovedì 27 febbraio per il quarto evento sul senso della vita, alla L’angolo della musica

“L’arte è uno strumento per conoscersi”, afferma Guido Tonizzo (mental coach, scrittore, musicista e autore) durante il terzo incontro sul senso della vita, svoltosi alla Libreria Tarantola. E’ proprio vero: trasformare ciò che si osserva e si vive in un’opera d’arte, sia essa musica, poesia, scultura o acquerello, significa conoscere sempre meglio se stessi e ciò che ci circonda. Queste quattro forme d’arte non sono citate a caso: sono state infatti protagoniste dell’evento attraverso gli ospiti. Gianfranco Gasparotto, scultore del legno, ha raccontato di come la bellezza si possa trovare in tutte le cose, spesso nelle più piccole e umili, come un sasso, un filo d’erba. La chiave sta nella semplicità: questo è un importante concetto condiviso anche da Lucia Zamburlini, pittrice acquerellista. Con i suoi acquerelli figurativi, sceglie infatti immagini di vita semplice, relative alla natura, agli animali, alle persone: sono momenti che diventano veicolo d’emozione, sua e del fruitore dell’opera. Come ha sottolineato Massimo Pitton, esperto e divulgatore d’arte e cultura, la sensibilità artistica si alimenta attraverso la condivisione delle diverse visioni ed è estremamente interessante, a tal proposito, la contaminazione tra diverse forme d’arte. “Sono tutte le persone che incontro”, dice infatti in una delle poesie lette durante l’evento Cristina Spadotto (coorganizzatrice insieme a Guido, oltre che poetessa, musicista e autrice): noi ci evolviamo continuamente grazie al rapporto con gli altri, a ciò che ci lasciano, anche quando non ci sono più. Di questo si parla infatti in “Call my name” degli Invisible Wave (progetto artistico musicale che tratta temi legati a crescita personale, spiritualità e attualità, di cui fanno parte gli organizzatori assieme a Stefania Della Savia): l’arte, dopo il dolore, ci fa ritrovare la speranza. Un pubblico appassionato e attento ha impreziosito la serata con ulteriori condivisioni, rendendo così questo incontro un ulteriore successo per gli eventi sul senso della vita. Vi aspettiamo il 27 febbraio per il quarto evento, presso “L’angolo della musica”. Ingresso libero.


La foto riprende opere d'arte dello scultore Gasparotto e della pittrice Zamburlini.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori