Home / Tendenze / Design ed etica: la lezione di Carlo Mollino

Design ed etica: la lezione di Carlo Mollino

La risorsa del legno esaminata in un incontro in ‘alta quota’

Design ed etica: la lezione di Carlo Mollino

“L’italica genialità trasversale nell’architettura e nel design da Carlo Mollino ai giorni nostri, in chiave etica e sostenibile”: è questo il titolo dell’incontro organizzato dalla Regione e Consorzio Boschi Carnici in collaborazione con Innova Fvg, Università di Udine e Accademia di Belle Arti ‘Tiepolo’ che si terrà nella giornata di sabato 21 settembre nel bosco accanto al ristorante Staipo da Canobio a Collina di Forni Avoltri.
L’iniziativa intende suscitare riflessioni e spunti di crescita culturale per la riqualificazione del territorio montano colpito dalla tempesta Vaia, guardando agli aspetti culturali e progettuali della risorsa legno, puntando al coinvolgimento delle figure professionali che ne garantiscono la gestione, la cura, la produzione, la progettazione e la conseguente realizzazione al fine di creare consapevolezza sull’uso – attuale e futuro - e sul rispetto delle sfaccettature progettuali-realizzative a cui essa è soggetta.  

Il convegno, attraverso una immersione nella natura, stimolo per far ricordare e riscoprire la fonte della materia prima alla base della produzione edilizia – architettonica – progettuale che appartiene dall’origine dei tempi: il legno e la sua filiera. Una lente sulla sperimentazione della progettualità del grande architetto e designer Carlo Mollino offrirà importanti spunti per analizzare concreti esempi di progetti contemporanei che si sono innestati nel contesto montano.  

Dalla progettazione consapevole ed etica della materia prima a tutela del patrimonio e delle risorse ambientali, alla lettura del contesto montano da punti di vista ardui e inaspettati con breve rimando alle normative costruttive per confrontare come normative regionali diverse incidono sul modo/libertà espressiva del costruire e sul rapporto con la tradizione in ambito montano; della cultura materiale ricca di memoria storica, verso una economia circolare per la valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze produttive.

Verranno toccati argomenti importanti per la consapevolezza della risorsa legno sia in termini del suo utilizzo architettonico-strutturale, sia alla produzione di architettura di interni e di arredi nel contesto storico ai tempi della produzione di Carlo Mollino e ai giorni nostri in linea con le specificità e i contributi dei relatori coinvolti: andando a sottolineare che l’artigianato, se unito alla cultura del design è da intendersi come pilastro dell’imprenditoria, in un’ottica in cui la produzione è strettamente legata al territorio e che il saper fare e il saper progettare devono coniugarsi al fine di scaturire nuovi linguaggi.  

L’iniziativa nasce con una forte impronta partecipativa: fin dalle sue prime fasi sono stati coinvolti enti, istituzioni, albi e ordini professionali, associazioni, scuole e università.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori