Home / Tendenze / Gorizia città sempre più a misura di bambino

Gorizia città sempre più a misura di bambino

Oggi e domani appuntamenti per conoscere attività e servizi

Gorizia città sempre più a misura di bambino

Gorizia, città a dimensione di bambino, si candida a diventare un punto di riferimento per i servizi educativi a livello regionale e non solo. Oggi e domani al Museo di Santa Chiara, il Comune proporrà l’evento ‘Raccontare attraverso: servizi, immagini e storie’, inteso come un’occasione di condivisione e di confronto, per attivare lo scambio di buone pratiche con le analoghe realtà d’oltreconfine e con i capoluoghi della nostra regione. Una vetrina per presentare i tanti e qualificati servizi cittadini rivolti ai bambini e alle famiglie, corredato da tante iniziative collaterali per coinvolgere i diretti interessati. Tra queste due mostre fotografiche e di ritratti, letture per bimbi in italiano e sloveno, mostra mercato di libri a cura delle librerie cittadine, tutto nel Museo di Santa Chiara. Due appunto le esposizioni che saranno allestite nel Museo di Santa Chiara e che saranno visitabili venerdì e sabato. Al primo piano ‘Documentare per comunicare nei servizi 0-6’, al secondo ‘Autoritratti, ritratti e selfie’, con le immagini degli alunni delle scuole primarie cittadine Ungaretti, Pecorini e Fumagalli. Inoltre, sabato in Castello sarà proposto uno spettacolo teatrale con cantastorie e giocolieri.

I lavori del convegno sabato 5 ottobre saranno aperti alle 8.45, dopo la registrazione dei partecipanti, dalla dirigente del settore Welfare del Comune di Gorizia, Maura Clementi, e dalla referente per il Gect Tea Podobnik. Seguiranno alle 9.30 gli interventi del sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, e del primo cittadino di Sempeter Vrtojba, Milan Turk. A seguire prenderanno la parola, coordinate da Luca Agostinetto dell’Università di Padova, Elisa Asia Battaglia, assessore comunale all’Istruzione di Udine, Eleonora Carletti, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Gorizia 1, e l’assessore regionale al Lavoro, Formazione e Istruzione, Alessia Rosolen. Alle 10.30 ci sarà una pausa con una ‘merenda tradizionale’ a cura del Servizio di ristorazione scolastica, offerta dalla Camst. Alle 10.50 comincerà la carrellata di interventi sulle buone prassi dei territori: parleranno Chiara Zidari, del Servizio Scuola Educazione del Comune di Trieste, Paolo Munini e Claudia Mauro del Ludobus del Comune di Udine, Carlotta Galli del Settore Politiche sociali del Comune di Pordenone, Jelena Vukmir del percorso di supporto al ruolo genitoriale del Mladinski Center di Nova Gorica, Ksenija Usaj, responsabile dei Servizi educativi del Comune di Sempeter Vrtojba, Pierpaolo Pischiutta, del Servizio Verde pubblico del Comune di Gorizia, Rosalba Terpin e Fabiana Murgia del Servizio delle Attività educative e scolastiche del Comune di Gorizia, Silvia Contino, coordinatore pedagogico Coop Duemilauno, e Cristina Visintini, del Servizio Attività educative e scolastiche del Comune di Gorizia. I lavori saranno chiusi alle 13.30, con la distribuzione della Mappa dei luoghi pubblici cittadini rivolti a bambini e famiglie, come aree gioco, parchi attrezzati, ludoteche e biblioteche. Per iscrizioni al convegno e giornata formativa consultare il sito www.educareagorizia.2001agsoc.it, a cura di Duemilauno Agenzia Sociale.

 Sabato, dalle 10 alle 12, sarà proposto Leggere dappertutto, letture in sloveno e italiano a cura delle educatrici e insegnanti dei Servizi educativi, con postazioni diversificate per i bimbi dai sei mesi ai sei anni d’età. Alle 16.30 di sabato sarà presentata la seconda edizione del gioco educativo ‘Surprise me/Sorprendimi’, realizzato nell’ambito del progetto europeo Inedu, curato nella sua versione italiana dall’Isig. Il gioco sarà donato alle scuole dell’infanzia del territorio. Ne parleranno Michela Cecotti, presidente dell’Isig, e Romana Velea, ricercatrice dello stesso istituto. Infine, dalle 17 alle 19, a corredo dell’evento, sarà possibile visitare il Castello di Gorizia per conoscerne la storia e i personaggi che vi hanno vissuto. A impersonare cantastorie, giocolieri e musici sarà il Molino Rosenkratz. La visita è consigliata ai bambini dai sei anni in su accompagnati. L’ingresso sarà libero.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori