Home / Tendenze / Il volontariato? Si può fare anche online

Il volontariato? Si può fare anche online

Al via il progetto finanziato dalla Regione su fondi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che stimola i ragazzi a essere attivi all'interno della comunità

Il volontariato? Si può fare anche online

Sono pronti a partire di percorsi di volontariato giovanile online di “Giovani Volontari Online”, il progetto che intende stimolare i giovani della nostra regione, nella fascia d’età 14-19 anni, a mettersi in gioco diventando volontari.

Il servizio non sarà “in presenza” ma attraverso una nuova formula di volontariato digitale. La digitalizzazione delle attività di volontariato è una novità per questo settore che ha dovuto affrontare grandi sfide a causa della recente pandemia. Molti servizi in presenza hanno visto uno stop forzato ed è quindi stato necessario trovare nuove soluzioni che potessero garantire servizi importante per il sociale.

COME ADERIRE. I percorsi di volontariato sono dieci e per aderire è necessario contattare l'Associazione Mondo 2000 via mail all’indirizzo mondo2000@uwcad.it. Tutte le informazioni sono disponibili sul portale dedicato al volontariato giovanile.

A.N.F.a.Mi.V. APS Onlus, che si occupa del sostegno alle famiglie di persone con disabilità visiva, è stata coinvolta nel progetto "English for All!!!" dall'Associazione di Promozione Sociale Heart4Children, che supporta situazioni di vulnerabilità con particolare riferimento all'infanzia. Il percorso prevede delle conversazioni in lingua inglese per ragazzi ipovedenti utilizzando le più recenti tecnologie informatiche per la disabilità visiva. Il programma prevede quattro incontri al mese da offrire a cinque ragazzi, per la durata totale di tre mesi.

L'Associazione Parole Controvento ha presentato il progetto "Catch the wind" per la creazione e la diffusione di un podcast supportato da una campagna di comunicazione social che documenterà tutte le fasi della produzione. Un team professionista preparerà un testo drammaturgico attraverso un processo di scrittura collettiva che i volontari interpreteranno e registreranno come podcast. Oltre a collaborare alla scrittura dei testi, i volontari potranno partecipare anche alla creazione di suoni e musiche che accompagneranno la registrazione. Successivamente, sempre con il supporto del team di comunicazione i volontari parteciperanno alla diffusione di contenuti social con l'obiettivo di raccontare l'iter di una produzione artistica.

"VOI come NOI", associazione nata per supportare i ragazzi con autismo, ha proposto "Special Hub", un laboratorio di musica digitale. Con l'aiuto di giovani volontari sarà possibile, attraverso un portale interattivo strutturato in diverse "stanze a tema", coinvolgere in varie attività i ragazzi affetti da autismo. L'obiettivo è aiutarli a creare relazioni con i pari e migliorare la comunicazione e l'espressione di sé e dei propri talenti attraverso il potere creativo della musica. I volontari lavoreranno anche con i canali social, pubblicando tutte le attività sulle pagine Facebook e Instagram dell'associazione.

L'Associazione "Melanie Klein" ha presentato "Sloveno Onevols: Multitasking Digitale", attività dedicata all'apprendimento della lingua slovena. Il percorso prevede video-lezioni di sloveno per adulti, che saranno riprese dai giovani volontari. Questi ragazzi avranno quindi la possibilità di imparare a fare riprese e montaggi video professionali e apprendere strategie di marketing per la pubblicazione dei contenuti sui social. Un secondo step del progetto prevede di coinvolgere i giovani volontari anche nelle fasi di insegnamento dello sloveno, andando ad affiancare alcuni degli insegnanti durante le lezioni interattive.

La Compagnia dell'Arpa a Dieci Corde ha organizzato degli incontri di lettura dal nome "Racconti Silent Book OnLine". L'attività è rivolta a bambini e ragazzi in isolamento nelle residenze AGMEN FVG (Associazione Genitori Malati Emopatici Neoplastici) e ai degenti della struttura di oncoematologia del IRCCS Burlo Garofolo di Trieste. Essendo soggetti molto fragili con cui è impossibile avere un contatto, narrare i silenti book potrà essere un'ottima compagnia per questi bambini. Ad accompagnare nella lettura il giovane volontario ci sarà una coppia di clown-dottori e altri ragazzi, volontari della banda Berimabau, che si occuperanno dell'accompagnamento musicale.

Sono due le attività proposte dall'associazione Bellavista Music Club. La prima è un corso online di arrangiamento per Brass Band: 12 lezioni nelle quali gli interessati avranno la possibilità di apprendere le conoscenze necessarie per realizzare un arrangiamento per una vera band. I giovani volontari impareranno l'uso di un software per la scrittura musicale, varie tecniche di armonizzazione e le basi di teoria applicate all'arrangiamento volte alla creazione di un brano.

La seconda attività ha come obiettivo la formazione di un'orchestra di fiati ispirata alle Brass Band e mira a esaltare il valore dell'esperienza e della musica d'insieme, offrendo ai giovani volontari l'esperienza di lavorare in gruppo. Una volta formata la band, i ragazzi inizieranno a studiare repertori e arrangiamenti attraverso incontri e prove musicali on-line. Al termine delle fasi di preparazione, i giovani volontari si esibiranno in performance e concerti settimanali che verranno trasmessi in streaming o registrati.

Le tre proposte dell'Associazione Mondo 2000 sono: la Fiera del Volontariato Giovanile, l Giardino dei Giusti e l'"Hub di prossimità", realizzato in collaborazione con la Fondazione Ebbene. Alla Fiera del Volontariato i giovani ragazzi che vogliono muovere i primi passi in questo campo potranno incontrare rappresentanti delle associazioni e altri studenti provenienti da tutta la regione. Avranno così la possibilità di un primo approccio con il mondo del volontariato e avere un confronto con i loro coetanei già impegnati in attività e sviluppare la consapevolezza del valore del volontariato come strumento per costruire relazioni. Non ultimo, avere la possibilità di aderire a un vero e proprio percorso di volontariato.

Diffondere la memoria di coloro che hanno saputo fare la differenza con azioni di coraggio e compassione è la missione dei Giardini dei Giusti. Grazie a questo progetto i giovani volontari potranno partecipare all’ampliamento del giardino dei giusti aperto lo scorso anno presso il Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico ONLUS. L’idea è di avere molti giardini dei giusti a Duino e nelle aree sedi dei partner del progetto.

L'Hub di Prossimità è uno spazio aperto che offre servizi di ascolto, accompagnamento e autonomia alle famiglie e ai cittadini, anche in condizioni di fragilità. Sarà dunque compito dei giovani volontari, assieme a un team di professionisti, partecipare ad attività formative e percorsi per contrastare l'isolamento e il disagio giovanile.

L'iniziativa ha come capofila, l’Associazione Mondo 2000 e altri diciotto (18) partner del Terzo Settore regionale gode del sostegno del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per tramite della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. È realizzato insieme alle associazioni ODV - Associazione Comunità e Famiglia Fvg; Kallipolis; Il Sogno di Giulia; Donk Humanitarian Medicine ODV; APS Parole Controvento; Associazione Bellavista Music Club ETS-APS; VOI come NOI-APS; Solidarietà Trieste; Associazione Culturale Berimbau; AVGS-ODV (Associazione Giovani Volontari per lo Scautismo); Compagnia dell'Arpa a dieci corde APS e in collaborazione con gli enti partner: Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico; Comune di Duino Aurisina; Liceo Scientifico Statale "France Prešeren”; Hope For; FAI presidenza regionale Fvg; Fondazione Pietro Pittini; ASD Trieste Atletica.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori