Home / Tendenze / L'amministrazione di Turriaco stila il bilancio delle opere pubbliche del 2018

L'amministrazione di Turriaco stila il bilancio delle opere pubbliche del 2018

Manca all'appello il completamento della palestra comunale. Già arrivati 200mila per via Roma

L\u0027amministrazione di Turriaco stila il bilancio delle opere pubbliche del 2018

L’Amministrazione comunale di Turriaco propone un resoconto sintetico delle molte opere pubbliche realizzate o in corso di realizzazione nel corso del 2018. Per rendere l’idea, la parte corrente del bilancio pareggia a circa due milioni di euro, mentre nel Piano triennale delle opere pubbliche, annualità 2017-18, trovate opere per circa tre milioni di euro di investimenti complessivi, risorse analoghe a quelle che si trovano nella programmazione di Comuni di dimensioni ben maggiori. Gran parte della quindicina di opere sono state finanziate quasi integralmente dalla Regione FVG. Le opere ‘minori’ erano state chiuse nel 2017. Si tratta della creazione del giardino ‘Alda Merini’, la riqualificazione dell'ex officina, sede del Gruppo Costumi Tradizionali Bisiachi e della Società Filarmonica di Turriaco, la sostituzione dei serramenti dello spazio giovani ‘Turryoung’del manto in erba sintetica dei due campi di calcetto presso l'area sportiva comunale, oltre che la realizzazione del cappotto esterno sulla ‘scuola primaria alta’. Infine la creazione di un tetto a falde alla scuola dell’infanzia e la realizzazione del nuovo parcheggio sul Parco comunale dell'Isonzo con la sistemazione dei viali del cimitero.

La principale opera - iniziata a fine 2017 e che proseguirà sicuramente fino al primo semestre del 2019 - è la riqualificazione completa della palestra che consentirà il passaggio da una struttura senza tribune a un piccolo palazzetto, con la possibilità di omologare il campo da basket e di suddividere la molto ampliata area da gioco, destinandola anche a due associazioni contemporaneamente. Il progetto prevede l'espansione dell'attuale edificio con il completo rifacimento delle strutture, della copertura e degli impianti, l'inserimento di tribune per il pubblico e la creazione di un nuovo blocco di spogliatoi a servizio anche dell'adiacente campo sportivo. Il quadro economico dell'opera è di 1.300.000 euro, con quasi un milione di lavori, che si stima durino ancora alcuni mesi. L'opera vuole rispondere a più di un'esigenza della nostra comunità, potenziando il servizio sportivo e scolastico attuali e aprendo nuove opportunità, soprattutto dal punto di vista concertistico e culturale. Infatti le travi lamellari in legno miglioreranno l’acustica e le tribune, la nuova sistemazione degli spazi e dell’antincendio permetteranno di ospitare oltre 200 persone di pubblico.

Per completare la sintesi delle opere del 2018 si può dire che la municipalità di Turriaco ha realizzato le due ciclabili che, come previsto dal Piano della mobilità approvato nel 2015, collegano Turriaco con Begliano da una parte e con Cassegliano dall'altra. Le ciclabili, su sede propria, sono illuminate e sono state l’occasione per creare i viali alberati di accesso al paese. Considerate opere ‘gemelle’, sono state dedicate a due dei massimi cantautori italiani: Fabrizio De Andrè e Luigi Tenco. Il quadro economico è di 783.655 euro, di cui quasi 500mila di lavori, tutti coperti da contributo regionale. Dopo la palestra, sono le opere principali, in questo caso quasi completamente terminate.

Quindi la creazione di percorsi ciclo pedonali con abbattimento delle barriere architettoniche in viale Gramsci, via Cosani e via 5 Giugno. Questi rappresentano gli assi viari principali per il collegamento del polo sportivo di piazzale Azzurri d’Italia col polo scolastico di via Cosani. In dettaglio, per via Cosani si è ampliato il marciapiede destinandolo a percorso ciclopedonale, si è creata una fascia di parcheggi in linea ed un senso unico di marcia in direzione sud con ‘stop’ all’incrocio con v.le Gramsci. Per viale Gramsci si è mantenuto il doppio senso di marcia ed è stata introdotta una fascia di parcheggi in linea. L’intervento principale su viale Gramsci è stato la creazione su un lato di un percorso ciclo pedonale e sull’altro di un marciapiede. Su via 5 Giugno è stato introdotto un nuovo senso unico di marcia in direzione nord che ha completato ‘l’anello’ con il senso unico di via Cosani e il doppio senso di v.le Gramsci. Prima di questi interventi, Irisacqua aveva provveduto alla sostituzione dei tubi in cemento-amianto delle condotte idriche.

C’è poi la riqualificazione del vicolo N. Sauro, storicamente denominato ‘Borgo de le Tartare’. L’intervento ha riguardato la sistemazione della pavimentazione, che si presentava con fondo in asfalto degradato e necessitava di un intervento di riqualificazione che valorizzasse l’impianto storico del borgo e desse un accesso decoroso ai servizi pubblici. È stata realizzata una nuova pavimentazione in cubetti di porfido disposti a file parallele e definiti da una fascia longitudinale centrale e da fasce trasversali in lastre di pietra piasentina fiammata. Il quadro economico dell’opera è stato di oltre 30mila euro. Prima di questi interventi, Irisacqua aveva provveduto alla sostituzione dei tubi in cemento-amianto delle condotte idriche.

Quindi la riqualificazione completa di via Verdi. Dall’incrocio con via Piave fino all’area del magazzino comunale, è stato realizzato il nuovo marciapiede sul lato sinistro e la ridefinizione delle aree di sosta - con una quindicina di parcheggi - e di verde attrezzato sul lato destro. Questo tratto di via è già stato riasfaltato, dopo che sono terminati i lavori di posa delle nuove tubazioni Enel e della sostituzione della rete idrica da parte di Irisacqua. Nei prossimi mesi verrà riasfaltata anche l’altra parte della via. Sull’incrocio con via Piave, al fine di ridurne la pericolosità e migliorarne la percorribilità, in particolare nelle giornate di apertura della piazzola ecologica intercomunale, è stata creata una rotatoria;

La realizzazione, poi, dell’impianto di illuminazione pubblica in Via Micheluz, per un quadro economico di oltre 98mila euro. La progettazione e la direzione lavori dell’opera – come da convenzione a suo tempo sottoscritta dai due enti – sono state svolte dal Servizio Tecnico del Comune di San Canzian d’Isonzo, dal momento che la linea e i nuovi pali dell’illuminazione sono stati installati sia sulla parte di San Canzian che su quella di Turriaco. I lavori in oggetto sono inquadrati in un più generale programma di interventi che ha previsto il potenziamento e rinnovamento dell’impianto di illuminazione pubblica del Comune di Turriaco, migliorando la qualità dell’illuminazione offerta e risparmiando sui consumi di energia elettrica - in via Fermi e Bellomia - oltre a implementare l’illuminazione pubblica in una porzione di abitato recentemente molto utilizzata nelle ore notturne da pedoni e ciclisti, in Via Micheluz. Ciò ha ricadute sul valore estetico ed architettonico, sulla qualità del servizio erogato e sui costi di gestione e può averne – alla lunga – sulla delicata questione della sicurezza ovvero la caduta pali. Più specificatamente gli interventi sono stati i seguenti: in via Micheluz sono stati posati in opera ex novo 32 pali di altezza con ben otto metri fuori dal terreno; in via Bellomia e nelle sue due laterali e in Via Fermi sono stati demoliti e sostituiti 26 pali e corpi illuminanti esistenti. Tutti i nuovi pali hanno corpi illuminanti a LED.

L’interconnessione, quindi, del sistema di videosorveglianza locale delle aree Magazzino e Palestra comunale al sistema mandamentale, per un quadro economico di 19mila euro.

Infine i due nuovi impianti fotovoltaici che avranno una potenza complessiva di 19.90 KWp sia nella futura palestra che sul municipio. Questi ultimi sono già stati installati, mentre nel primo caso è necessario attendere l’evoluzione della realizzazione della palestra. Il quadro economico è di 155mila euro.

Nel 2018 sono state reperite le risorse per realizzare nel corso del 2019 un nuovo percorso ciclabile su sede propria lungo via Diaz, dall’incrocio con via Pordenone fino all’intersezione con l’ex strada Provinciale 2. La nuova pista ciclabile rientra nel sistema dei percorsi di mobilità lenta e si collega con quelle esistenti su via Pordenone e Trieste - rispettivamente verso Pieris e verso la scuola dell’infanzia ed il centro cittadino - e, attraversata l’ex provinciale, con i percorsi lungo il Parco comunale dell’Isonzo. L’intervento, da effettuarsi su aree di proprietà privata, soggette a procedura espropriativa, è conforme alle previsioni del vigente PRGC. Il tratto di via Diaz oltre la strada provinciale verrà riasfaltato e destinato a percorso ciclabile, con traffico veicolare limitato ai frontisti. L’attraversamento della strada provinciale verrà messo in sicurezza con adeguata segnaletica ed illuminazione per un totale di 96mila euro.

Inoltre l’Amministrazione comunale ha già ottenuto 200mila euro per intervenire su via Roma, in particolare per la messa in sicurezza dell’incrocio con l’ex strada Provinciale n. 2 e per migliorare la mobilità sui marciapiedi.

Assieme al Comune di San Canzian d’Isonzo, sono state reperite le risorse - oltre 700mila euro - per riqualificare la palestra di Pieris delle scuole medie, di proprietà di entrambi gli enti locali. L’intervento dovrebbe prendere avvio una volta terminati i lavori sulla palestra di Turriaco.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori