Home / Tendenze / Le note di ‘Quella mezza sporca dozzina’ hanno accolto il premier Renzi

Le note di ‘Quella mezza sporca dozzina’ hanno accolto il premier Renzi

Originale presenza del gruppo mobile da osteria alla presentazione del bilancio Danieli

Le note di ‘Quella mezza sporca dozzina’ hanno accolto il premier Renzi

Cosa ci fa un gruppo mobile da osteria alla presentazione del bilancio del più importante gruppo industriale friulano? E come possono le sue note scanzonate accogliere il presidente del consiglio italiano? Così oggi è stato. Infatti, il Gruppo Danieli, che in passato aveva invitato sul palco per gli intermezzi musicali solisti e formazioni di fama mondiale, questa volta ha scelto ‘Quella mezza sporca dozzina’, friulana Doc, per intrattenere e anche divertire i propri ospiti, a partire dal premier Matteo Renzi.

Oggi nel quartier generale di Buttrio sono stati loro, così, a “dare energia” all’uditorio nell’ouverture dei lavoro, come anche nell’intermezzo ribattezzato ‘Radici’, in cui hanno intonato le arie tradizionali della Patria friulana, comprese alcune villotte. E sempre loro hanno suonato perfino l’Inno alla Gioia, musica ufficiale dell’Unione Europa, oltre a quello italiano in occasione dell’inaugurazione del nuovo investimento fatto nello stabilimento Abs di Pozzuolo, il cui start è stato dato sempre da Renzi assieme al presidente del gruppo industriale Gianpietro Benedetti. Ed è stato proprio lui a volerli, dopo averli ascoltati un paio di sere informali mentre era seduto a tavola in due locali tipici , ovvero al Grop di Tavagnacco e al Castello di Buttrio.

La loro presenza, però, non ha nulla di goliardico e poco anche di folcloristico. È il modo, tra le righe, che Benedetti ha usato per ricordare come anche l’identità, nel nostro caso friulana, rappresenta un collante sociale che oggi in un’ottica globale è comunque fondamentale preservare.

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori