Home / Tendenze / Lignano, al via la riqualificazione anche per Porto Vecchio

Lignano, al via la riqualificazione anche per Porto Vecchio

Dopo piazza Ursella e piazzetta Gregorutti, nuovo cantiere per garantire una migliore fruibilità pedonale e ciclistica dell’ambito portuale

Lignano, al via la riqualificazione anche per Porto Vecchio

Dopo i progetti di ammodernamento di piazza Ursella e piazzetta Gregorutti, l’Amministrazione comunale di Lignano Sabbiadoro ha previsto la riqualificazione di un’altra importante area della località, quella del Porto Vecchio, compresa fra via Lagunare, via Darsena e Viale Italia.

La proposta progettuale, a cura dell’Rtp formato dallo Studio Novarin, Runcio Associati, geol. Davide Seravalli e ing. Eros Allone, la cui fattibilità tecnica ed economica è stata approvata durante la seduta del Consiglio comunale del 22 Luglio, tiene conto della necessità di garantire una migliore fruibilità pedonale e ciclistica dell’ambito portuale, migliorando le sue relazioni con la laguna e con il resto della penisola.

L’obiettivo principale è quello di assegnare all’area un ruolo di punto di sosta e di aggregazione nelle ore diurne e serali, valorizzandone le caratteristiche paesaggistiche e di qualità urbana. E’ prevista, a tal fine, una revisione generale dei percorsi, degli spazi e della viabilità locale seguendo criteri di funzionalità, sicurezza, salvaguardia ambientale e tutela delle utenze deboli, andando a considerare tutte le componenti della mobilità (pedoni e disabili, ciclisti, traffico motorizzato individuale leggero e pesante, trasporto pubblico e sosta veicolare).

In particolare: il ponte sulla darsena subirà un completo restyling, con nuova illuminazione e pendenza modificata al fine di agevolare al massimo il transito in condizioni di sicurezza e fluidità di pedoni, ciclisti e disabili.

L’incrocio tra via Alpina a via Lagunare sarà sostituito da una rotatoria al fine di mettere in sicurezza l’incrocio, rallentare la velocità dei veicoli ed ampliare le manovre effettuabili, includendo tra esse l’inversione di marcia e consentendo così una migliore accessibilità del fronte darsena e del fronte abitativo delle residenze servite da via degli Oleandri e da via del Girasole.

Via Darsena, sulla quale sorge la Vecchia Pescheria, diverrà una strada semipedonale con pavimentazione in lastre di porfido alla stessa quota dei marciapiedi, assumendo un ruolo di strada-piazza in continuità della rete pedonale a servizio di Sabbiadoro.

Via Lagunare, e le parallele via degli Oleandri via del Girasole, costituiranno un’unica direttrice viaria con nuovi marciapiedi ed alberature, fra le quali verranno collocati posti auto in linea (zona 30). Via Lagunare, a senso unico, sarà affiancata da una pista ciclabile bidirezionale raccordata all’argine lagunare ed a via Latisana. Saranno migliorate le scale di collegamento tra via Lagunare e via degli Oleandri/via del Girasole adeguandole alla normativa sulle barriere architettoniche, alle quali sarà associato un attraversamento pedonale. I marciapiedi e gli attraversamenti pedonali saranno dotati di tutte le caratteristiche e gli apprestamenti necessari a consentirne l’agevole utilizzazione in sicurezza da parte dei disabili motori e visivi.

Alla zona di porto Casoni è stata rivolta un’attenzione particolare, grazie a una specifica riorganizzazione viabilistica e dei percorsi, intesa ad assicurare la continuità funzionale dell’asse via Lagunare/Lungolaguna Trento, anche nell’ottica di itinerario ciclabile proveniente dall’argine lagunare.

Per l’intera viabilità della zona saranno impiegati materiali in continuità con lo stile architettonico del Lungomare, verrà garantita l’illuminazione a led, la segnaletica stradale orizzontale sarà ad alta visibilità ed il verde pubblico verrà appositamente progettato con i relativi sistemi di irrigazione.

“Sono particolarmente soddisfatto che anche questo progetto possa finalmente vedere la luce, nell’ottica di una riqualificazione complessiva della città e dell’offerta turistica", è il commento del Sindaco Luca Fanotto. "E’ una progettazione importante e necessaria, che sarà in grado di sviluppare ulteriormente le caratteristiche paesaggistiche dell’area ed esprimere così, in modo compiuto, tutte le sue ulteriori potenzialità, anche in un’ottica di collegamento fra il Lungomare Trieste e il Lungolaguna”.

Il costo complessivo previsto per l’intervento è di circa 2 milioni e 700 mila euro, con cantierizzazione del primo lotto (caratterizzato dai lavori di via Lagunare, via Darsena e rotatoria tra via Alpina e via Lagunare con importo di 1 milione e 300 mila euro) durante il prossimo inverno.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori