Home / Tendenze / Missione in Afghanistan, parte il comando della Pozzuolo

Missione in Afghanistan, parte il comando della Pozzuolo

Avvicendamento con la Brigata Aeromobile Friuli alla guida del Comando Multinazionale Interforze

Missione in Afghanistan, parte il comando della Pozzuolo

La sede del Train Advise and Assist Command West (TAAC-W), Comando Multinazionale Interforze a guida italiana della Missione in Afghanistan Nato Resolute Support (RS), è stata teatro della cerimonia di avvicendamento, tra il personale della Brigata Aeromobile “Friuli” e il subentrante della Brigata “Pozzuolo del Friuli”.

Alla cerimonia hanno preso parte il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale Salvatore Farina, l’Ambasciatore Italiano a Kabul Roberto Cantone, il Vice Comandante della Missione e Italian Senior National Representative in Afghanistan, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Camporeale in rappresentanza del Comandante della Missione Resolute Support Generale Austin Scott Miller, nonché le massime autorità civili e militari afgane della Regione Ovest.

Il Generale Camporeale ha ringraziato il Generale Salvatore Annigliato, Comandante uscente del TAAC W e gli appartenenti alla Brigata Aeromobile “Friuli” per l’eccellente lavoro e i grandi risultati ottenuti in questi mesi nelle attività di addestramento, assistenza e consulenza sviluppate in favore delle Forze di Sicurezza afghane e per le molteplici attività di Cooperazione Civile e Militare condotte a sostegno della popolazione locale.

Il generale Farina ha portato i saluti del Ministro e Capo di Stato Maggiore della Difesa italiana: ”Rendo onore alle nostre Bandiere che sono il simbolo della nostra cultura, dei nostri ideali, della giustizia e della libertà…”. Ha ricordato, inoltre, tutte le donne e gli uomini della coalizione e delle Forze di Sicurezza Afghane che si sono sacrificati fino all’estremo per garantire la pace e stabilità in questa terra. Il generale Farina ha poi sottolineato il continuo lavoro svolto dai nostri militari per la stabilità e pace e le capacità professionali che riescono ad esprimere nelle missioni internazionali.

L'Ambasciatore Cantone nel suo intervento ha evidenziato lo stretto legame tra sicurezza e sviluppo, alla base dell’attività italiana civile e militare nella missione in Afghanistan. Ha poi rivolto, in nome del Governo italiano e dell’Italia intera, un pensiero ai militari caduti in Afghanistan, alle loro famiglie e alle migliaia di soldati italiani, uomini e donne, che hanno operato e continuano a operare affinchè l’Afghanistan possa divenire un Paese pacifico e prospero.

Contestualmente è avvenuto l’avvicendamento al comando della Task Force Arena, unità che garantisce supporto al Train Advise and Assist Command West, tra il personale appartenente al 66° Reggimento Fanteria Aeromobile “Trieste” di Forlì e i colleghi del Reggimento Lagunari “Serenissima” di Venezia. Il lavoro degli Advisors italiani si inquadra nell’ambito della missione Nato, con il compito principale di fornire addestramento, consulenza ed assistenza alle Forze di Sicurezza afgane per migliorarne la funzionalità e la loro capacità di autosostenersi.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori