Home / Tendenze / Mobilitazione contro la cessione della Coop di Palmanova

Mobilitazione contro la cessione della Coop di Palmanova

Martines: “Cerchiamo un dialogo con la proprietà. Raccolta firme per salvare il punto vendita e i servizi correlati”

Mobilitazione contro la cessione della Coop di Palmanova

“Con rammarico l’Amministrazione comunale e i cittadini di Palmanova hanno appreso la decisione di Coop Alleanza 3.0 di procedere alla cessazione del punto vendita di Palmanova, la trasformare in un franchising affiliato e la perdita dello sportello soci nonchè dei servizi connessi”. Inizia così la lettera che il Sindaco di Palmanova Francesco Martines, a nome di tutto il Consiglio comunale, ha indirizzato al Consiglio di Amministrazione di Coop Alleanza 3.0.

Si informa del rammarico per la mancata informazione sulle criticità del punto vendita a soci e Amministrazione comunale, assieme all’accorata richiesta di avviare un dialogo tra Comune e proprietà. “Come Amministrazione comunale, lungi dall’interferire su scelte di bilancio, avremmo potuto condividere una strada comune a tutela dei servizi di natura sociale che Coop ha sempre espresso in favore della stessa comunità di Palmanova”.

Il punto vendita della città stellata rappresentare uno dei pochi negozi di vicinato di medie dimensioni in centro storico, di interesse strategico, ancor più nel periodo della pandemia, e che vanta una storia di oltre quarant’anni. “Abbiamo avviato da subito, su iniziativa della maggioranza consigliare, una raccolta firme, cartacea e online, che in pochissimi giorni ha portato a raccogliere oltre 400 firme a difesa del punto vendita Coop di Palmanova", prosegue la lettera. "Ne è seguito un Ordine del giorno votato all’unanimità dal Consiglio comunale che esprime la posizione di un’intera comunità rispetto alla necessità di tentare, anche attraverso gli organismi istituzionali comunali, una revisione della decisione presa da Coop Alleanza 3.0”.

Si chiede alla dirigenza Coop Allenza che vengano mantenuti sul punto vendita di via Molin lo sportello soci con la possibilità di gestione del libretto di deposito e la possibilità che possano continuare ad essere attivi i servizi connessi al prestito sociale, alle attività solidali, al comodato libri e i vantaggi per i soci.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori