Home / Tendenze / Moda e cultura per rilanciare la città

Moda e cultura per rilanciare la città

Alleanza tra Palazzo Coronini e Federmoda con la promozione della mostra 'L’indispensabile superfluo. Accessori della moda nelle collezioni della famiglia Coronini'

Moda e cultura per rilanciare la città

Cultura e shopping possono andare a braccetto: lo dimostra l’alleanza stretta tra Palazzo Coronini e Federmoda per la promozione della città. La Fondazione Palazzo Coronini Cronberg, in occasione della mostra “L’indispensabile superfluo. Accessori della moda nelle collezioni della famiglia Coronini”, ha pensato a una particolare forma di promozione, trovando il pieno sostegno di Federmoda Confcommercio Gorizia. 12 gli esercenti cittadini che hanno aderito e che quindi praticheranno uno sconto del 10 per cento a coloro che presenteranno il biglietto d’ingresso all’esposizione. I negozi, facilmente identificabili grazie all’adesivo apposto sulle vetrine, sono: Il Laboratorio di piazza Vittoria 43, Confezioni Dino di corso Verdi 35, Sisley di corso Verdi 123, United Colors of Benetton di corso Verdi 107, Tomani Pelletterie di corso Verdi 137, Russian Gioielli di corso Italia 47, Model Pelletterie di corso Italia 50, abbigliamento De Bortoli di corso Verdi 113, Marella di corso Verdi 135, Life Donna di corso Verdi 21, Calzature Kosic di via Rastello 7 e K2 Sport di via Rastello 19.

L’obiettivo dell’iniziativa è di rinforzare la sinergia tra le realtà cittadine e di incoraggiare i visitatori attirati dalle iniziative culturali in città a interagire in maniera più dinamica con le attività commerciali goriziane. Quello che sarà proposto non vuol essere uno “sconto” in senso stretto, ma un segno per premiare chi sceglie la nostra città per la qualità dell’offerta che garantisce. Il messaggio che si vuol far passare è che l’esperienza di acquisto in un circuito relativamente piccolo come quello di Gorizia sa riservare la piacevole sorpresa di una qualità nel servizio capace di fare la differenza, personalizzandolo al massimo in base alle esigenze del cliente, e in un contesto urbanistico “tipico”, in cui si incontrano storia, arte e cultura. Proprio in tale direzione si muove da tempo Federmoda, che, sotto la guida di Antonella Pacorig, imprenditrice del settore e consulente d’immagine, presidente del gruppo dal 2017, sta dedicando un crescente impegno alla valorizzazione dell’offerta cittadina in termini di professionalità e narrazione. Da parte sua la Fondazione Coronini, che ha notevolmente ampliato e diversificato le proprie attività culturali, instaurando collaborazioni e sinergie con numerosi enti, istituzioni e realtà imprenditoriali, intende proseguire la sua azione di radicamento sul territorio, nella convinzione che anche iniziative come questa contribuiscano ad attuare il compito che il conte Guglielmo Coronini le ha lasciato, ovvero rendere il Palazzo e il Parco Coronini “ornamento e attrattiva” della nostra città.

La mostra “L’indispensabile superfluo”, allestita nelle Scuderie e nel Palazzo di viale XX Settembre a Gorizia, è visitabile dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 da mercoledì a sabato, la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Visite guidate incluse nel biglietto d’ingresso sono proposte il sabato alle 16.30, la domenica e i festivi alle 17.30. L’esposizione parte dal presupposto che gli accessori di moda, oggi considerati essenziali quasi più dell’abito stesso, hanno avuto un ruolo altrettanto importante nei secoli passati. Le collezioni Coronini, legate alle vicende di un’antica famiglia aristocratica, offrono un osservatorio privilegiato per scoprire come ogni epoca ebbe le sue “icone di stile”, con regole e cerimoniali che ne disciplinavano l’uso e condizionavano le abitudini della vita quotidiana. Dai ventagli ai cappelli, dai bastoni da passeggio alle “galanterie”, senza dimenticare guanti e borsette, gli accessori incisero su gusti, stile e comportamenti.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori