Home / Tendenze / Notte in blu, a scuola di Protezione Civile

Notte in blu, a scuola di Protezione Civile

Sono 14 i ragazzi, tutti residenti sul territorio, dai 14 ai 18 anni, che hanno partecipato all'iniziativa

Notte in blu, a scuola di Protezione Civile

Tre giorni di proposte per sensibilizzare le nuove generazioni, per consentire loro di vivere in prima persona esperienze di emergenza gestite dalla Protezione Civile: dal montaggio tende allo spegnimento di incendio, dall'utilizzo di motopompe all'antincendio boschivo, dalla ricerca di persone scomparse al primo soccorso. Esperienze teoriche e pratiche su rischi reali e affrontati con metodo nel piano di emergenza comunale.

Si è svolto in questi giorni "Notte in blu" che ha visto la partecipazione di 14 ragazzi, residenti sul territorio, dai 14 ai 18 anni in collaborazione con i volontari del distretto Destra Torre.

Il coordinatore Palmina Mian e il sindaco Franco Lenarduzzi hanno ringraziato quanti hanno supportato l'iniziativa e i tanti, aziende e associazioni, che hanno fornito beni di prima necessità, attrezzature e strumenti funzionali all'evento: “Il progetto, portato avanti da 3 anni dell'amministrazione comunale, intende favorire la conoscenza e l’apprendimento delle tecniche della sicurezza cercando di coinvolgere i giovani. In prospettiva si spera anche di formare nuove leve per il volontariato attivo nella Protezione Civile”.

Lo stage, supportato dal Comune di Ruda, ha visto la collaborazione della PCR con il funzionario Giorgio Visintini, relativamente al piano di emergenza e ad esperienze vissute in luoghi di terremoto, dell'ufficiale idraulico del Ministero delle infrastrutture Giovanni Santoro per le emergenze idrauliche, della squadra di Mariano del Friuli per lo spegnimento di un incendio con estintori e della squadra di Farra d'Isonzo con un mezzo attrezzato per l'antincendio boschivo. Presente anche il gruppo cinofili dell'ASDC con i cani anticatastrofe, la CRI di Palmanova e un gruppo di volontari della squadra di Villesse.

Le simulazioni si sono svolte nella sede comunale e sull'argine del Torre dove i ragazzi hanno sperimentato la telonatura, hanno realizzato una coronella e utilizzato le motopompe simulando un allagamento. I cani addestrati alla ricerca di persone scomparse hanno dato dimostrazione della loro capacità in un contesto di intervento di emergenza di soccorso con la corretta chiamata all'112.

L'iniziativa è stata "partecipata" dai ragazzi anche in termini di considerazioni finali con suggerimenti e indirizzi utili a migliorare ulteriormente le offerte future.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori