Home / Tendenze / Nuovi volti per le spiagge di Monfalcone

Nuovi volti per le spiagge di Monfalcone

Parcheggi più ordinati a Marina Julia e nuovo look per Marina Nova

Nuovi volti per le spiagge di Monfalcone

Stagione estiva 2019 nel segno delle novità per le spiagge amate dai monfalconesi, Marina Julia e Marina Nova. Novità presentate direttamente sulla spiaggia dal sindaco, Anna Cisint, assieme agli assessori Paolo Venni, Luca Fasan, Giuliana Garimberti, Massimo Asquini. "Proprio la presenza di tutti gli assessori, vuole dare il segno dell'importanza che hanno per noi le spiagge, per cui abbiamo studiato tanti interventi in più, tali da rispondere alle richieste e alla esigenze di chi le frequenta" ha detto il sindaco. Confermata la pulizia e il mantenimento delle spiagge - per Marina Nova anche nella zona non in concessione al comune - che se adesso viene già effettuata per pulire il materiale portato dalle mareggiate, nel periodo estivo verrà effettuata con costanza. Quotidianamente Isa Isontina Ambiente raccoglierà i rifiuti. Potenziata anche l'azione di promozione, che già trova riscontro nei numeri di prenotazioni del Villaggio del Sole - ex Albatros.

Marina Julia. Novità più importante è la sistemazione del grande parcheggio sterrato a destra dell'ingresso della spiaggia (acquistato dal comune dai privati lo scorso anno) che sarà sistemato con materiale drenante a base di prodotti naturali e dove saranno ricavati 105 posti auto. Come chiesto dalla Sopraintendenza, saranno piantumati anche dieci alberi. L'entrata e l'uscita saranno dal varco vicino alla spiaggia. I parcheggi saranno tutti liberi, tranne una parte (10-15 posti) che saranno ‘blu’ ovvero a pagamento per consentire una rotazione nell'occupazione. Il parcheggio sarà pronto per giugno. Verranno inoltre create due corsie che dall'argine, già reso accessibile, consentiranno ai disabili di raggiungere con facilità il mare e le docce: una corsia sarà creata nella zona tra lo stabilimento da Mario e la spiaggia libera e una sarà invece realizzata nella zona vicino allo stabilimento Number One collegata al parcheggio da una rampa che sarà costruita alla sinistra della scalinata. Per confermare la vocazione di spiaggia per famiglie, verrà ampliata di 200mq la ‘sabbionaia’ dedicata ai bambini, con sabbia marina pulita adatta per fare i classici castelli. Prevista la schermatura dei bottini dei rifiuti dal lato della scalinata "per evitare di avere come prima immagine di Marina Julia quella dei bidoni dei rifiuti". Verrà inoltre ripristinata la zona sportiva con i campi di calcio, pallavolo e bocce. Verso il lido di Staranzano, "che mi auguro il comune competente provveda a ripulire" dice Cisint, verrà creata la ‘corsia di lancio’ dei kite surf, prima in Italia. Già ora a servizio dei kite-surfer è stato installato un anemometro digitale, che consente agli sportivi di verificare tramite apposita App le condizioni di vento. Verrà anche costruito un deposito delle tavole di Sup (stand up paddle è una variante del surf in cui si sta in piedi su una tavola, utilizzando una pagaia per remare) attività sportiva che sta prendendo sempre più piede: il deposito, gestito dall'Associazione KiteLife, servirà ai privati per lasciare le proprie tavole. Non verrà dimenticata l'illuminazione di tutta la zona (argine, rotatoria più vicina alla spiaggia, parcheggio. Per l'estate è in via di definizione un programma di eventi serali e il calendario di tornei sportivi ‘Marina Julia Summer Beach’. Confermata per i fine settimana estivi la possibilità di usufruire del bus navetta dal parcheggio libero di via Bagni. Per tutti gli interventi sono stati messi a bilancio 227mila euro. progettazione affidata alle risorse interne.

Marina Nova. Con fondi regionali, 550mila euro, verrà effettuato il ripascimento in ghiaino di tutta la spiaggia: dall'ingresso dell'ex camping fino alla diga foranea sul lato del bacino che ospita le società nautiche, che consentirà di ricostruire la parte di spiaggia ‘mangiata’ dalle mareggiate. In questo modo inoltre sarà possibile per i pescatori, come chiesto più volte dalla Associazione Pescatori Dilettanti, raggiungere la diga direttamente dalla spiaggia e quindi dalla zona ‘aperta’ all'uso comune dalla società cinese J&Y Holding group, che ha acquistato l'Isola dei Bagni nel 2017 e che già lo scorso anno aveva dato al comune la possibilità di aprire la spiaggia di Marina Nova (che fa parte dell'area) che era chiusa ormai da qualche anno. La società cinese, in attesa di poter realizzare un complesso 5 stelle (bungalow, recupero degli edifici esistenti per fare ristoranti e spazi ricreativi e sul lato dell'isola verso la marina, una darsena) ha inoltre preso contatti con la Mokit Mobile Kitchen per poter sistemare nella zona vicina alla spiaggia dei punti di ristoro/bar su ruote che offriranno così ulteriori servizi ai bagnanti, che potranno contare anche su nuovi bagni chimici. Inoltre provvederanno a pulire la spiaggia e la rotonda sul mare, a collocare nuova cartellonistica e a collocare a mare delle barriere per contenere l'erosione causata dalle mareggiate.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

L'AZIENDA

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori