Home / Tendenze / Palmanova, l'ex Gamerra ospiterà opere d’arte

Palmanova, l'ex Gamerra ospiterà opere d’arte

Affidata alla Soprintendenza per i beni culturali del Fvg, la caserma napoleonica sarà riutilizzata allestendo spazi dedicati al patrimonio storico-artistico del territorio e dell’Italia

Palmanova, l\u0027ex Gamerra ospiterà opere d’arte

Affidata alla Soprintendenza per i beni culturali del Friuli Venezia Giulia, la caserma napoleonica Gamerra a Palmanova, verrà riutilizzata per ospitare reperti archeologici ed opere d’arte. Si tratta di uno degli edifici di grande valenza storica, inserito all’interno dell’ampio complesso della ex-caserma Montezemolo, uno dei numerosi contenitori pubblici che costituiscono l’ossatura della "città stellata", chiamata così per la sua pianta poligonale a stella. La consegna della Gamerra in uso governativo al MEC per allestire al suo interno spazi dedicati al patrimonio storico-artistico del territorio e dell’Italia in generale, segna un momento significativo: per Palmanova, dal 1960 monumento nazionale e di recente inserita anche nel patrimonio dell'umanità Unesco, si sta cercando di tracciare un disegno di riqualificazione complessiva che con la collaborazione di tutte le Amministrazioni coinvolte, centrali e locali, possa innescare un processo coerente ed efficace di recupero nel riuso dei diversi spazi pubblici non più utilizzati per le loro originarie funzioni e ridare loro vita con nuove attività e nuove prospettive. L’Agenzia del Demanio, impegnata in questo percorso condiviso per contribuire a definire strategie e progetti che possano favorire un riuso sostenibile del patrimonio immobiliare pubblico presente sul territorio, ha prima sostenuto la consultazione pubblica che ha coinvolto cittadini, Istituzioni e professionisti. Poi ha seguito e finanziato anche uno studio di sostenibilità tecnico-economica e giuridico-amministrativa proprio sui contenitori più imponenti e pregiati al centro di questo percorso di recupero da cui sono emersi due principali filoni di valorizzazione: uno più orientato alla declinazione culturale e artistica e l’altro focalizzato su quella più scientifica e tecnologica con spazi dedicati a laboratori di ricerca e sperimentazione e innovazione tecnologica.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori