Home / Tendenze / Pordenonelegge al mercato di Campagna Amica

Pordenonelegge al mercato di Campagna Amica

Un libro dedicato alle donne, aperitivo in giallo, solidarietà e Stop a cibo falso

Pordenonelegge al mercato di Campagna Amica

Pordenonelegge al mercato di Campagna Amica con un libro dedicato alle donne. Spunti antichi per donne moderne è il titolo della pubblicazione che sarà presentata sabato 21 settembre alle 11 a Pordenone in via Roma 4. L’introduzione sarà di Silvia Bosco, coordinatrice nazionale di Coldiretti Donne Impresa che presenterà Rachele Cipolla che ha curato la pubblicazione insieme ad un gruppo di donne imprenditrici agricole.

La presentazione del libro riserva inoltre altre opportunità: visitare il nuovo mercato di Campagna Amica e la possibilità di partecipare all’aperitivo in giallo, organizzato al termine dell’evento che sarà proposto dagli agrichef, i cuochi contadini che faranno degustare pietanze abbinate a vini con ricette preparate con i prodotti del territorio a chilometro zero.

“Pordenonelegge – spiega il presidente di Coldiretti Matteo Zolin - è un canale preferenziale ed intelligente di proporsi con progetti e idee sulle quali confrontarsi con un pubblico preparato e maturo sui temi dell’alimentazione e dell’agroalimentare e non solo. Interesse di Coldiretti –aggiunge il presidente- è anche quello di instaurare un più stretto legame tra il mondo agricolo e la cultura che il nostro paese ed i nostri territori esprimono".

"La partecipazione di Coldiretti a Pordenonelegge - continua Zolin- è una risposta adeguata alle attese del cittadino consumatore che sempre di più guarda con attenzione al settore primario, non come semplice produttore agricolo ma come produttore di alimenti, gestore dell’ambiente e custode della salubrità”.

Al mercato coperto saranno, inoltre, a disposizione i taglieri del progetto solidale, realizzati in legno massello di purissimo abete bianco, non trattato, proveniente dalle foreste schiantate del comune di Claut. Un euro per ogni tagliere sarà devoluto al sostegno di un progetto proposto dal Comune di Forni Avoltri, legato alla ricostituzione boschiva in funzione didattico naturalistica. Sempre al mercato continua la raccolta di firme su Stop a cibo falso, la petizione per chiedere alla Commissione europea di rendere obbligatoria l’origine della materia sui prodotti alimentari.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori