Home / Tendenze / Riparte la scuola, 10mila mascherine dal Legno Arredo

Riparte la scuola, 10mila mascherine dal Legno Arredo

La prima consegna al Solari di Tolmezzo. Piemonte: “A breve un tavolo di lavoro con gli imprenditori per rafforzare le competenze scolastiche sul legno strutturale”

Riparte la scuola, 10mila mascherine dal Legno Arredo

Diecimila mascherine chirurgiche certificate e made in Fvg. E’ la maxi donazione con cui il Cluster Legno Arredo Fvg sostiene gli studenti delle scuole del Legno-Arredo della regione e le loro famiglie. I tre istituti beneficiari appartengono alle aree del Mobile del pordenonese (Isis Carniello di Brugnera), del Legno-arredo della Carnia (Isis Solari di Tolmezzo) e della Sedia-Arredo (Isis Malignani di San Giovanni al Natisone); le quote sono ripartite a seconda del numero di studenti, per garantire una copertura di diversi mesi.

Il primo istituto ad aver ricevuto le mascherine è stato il Solari di Tolmezzo, polo di formazione per il comparto del Legno in Fvg, con cui il Cluster collabora da tempo. “Ringraziamo sentitamente il Cluster per questa donazione perché ora è importante far lavorare in sicurezza i ragazzi e riaprire l’attività laboratoriale", commenta la dirigente Manuela Mecchia "Un percorso per noi fondamentale ma che è stato purtroppo assai ridotto nei mesi scorsi”.

“Un piccolo ma importante gesto per consentire la prosecuzione dell’attività di studenti delle cui competenze necessitano le nostre aziende. Come Cluster siamo da anni a fianco del Solari e contiamo nel prossimo futuro di incrementare ulteriormente la collaborazione”, aggiunge Marco Vidoni, delegato Economia del Legno del Cluster.

“Siamo impegnati insieme alla Regione a rafforzare l’economia del legno, driver di crescita di un intero territorio e punto focale su cui basare le prossime attività del Cluster Legno Arredo" riferisce il direttore Carlo Piemonte. "Le aziende del legno (costruzioni, imballaggi, segherie, energia, carta, pannelli, e via dicendo) costituiscono uno dei pilastri dell’economia della nostra regione e vanno sostenute”.

Nell’incontro a Tolmezzo, in cui si è fatto il punto della situazione del comparto, è emersa la volontà comune dell'istituto e del Cluster di convocare a breve una riunione con tutti i portatori di interesse e i tecnici del settore Costruzioni in legno. Insieme si studieranno iniziative in grado di rafforzare la formazione sullo specifico settore dell'economia del legno regionale (filiera corta, alta tecnologia, costruzioni).

Le mascherine sono prodotte da un'azienda artigiana friulana che, per la riuscita di tale progetto, ha intrapreso un percorso con Confartigianato Udine. “La spesa da noi sostenuta - spiega il direttore del Cluster, Piemonte - è stata possibile grazie al ricavato della vendita di mascherine durante il periodo di emergenza di marzo-aprile, operazione che comprendeva la costituzione del fondo di solidarietà Sistema Fvg da destinare a questo specifico obiettivo. Da un’azione di emergenza, realizzata durante i giorni più duri della crisi e che ci ha visto in prima linea su diversi fronti, oggi possiamo continuare a sostenere con forza il nostro settore regionale aiutando gli studenti e i docenti a rientrare a scuola nel rispetto delle norme e in sicurezza, a conferma che ancora una volta fare sistema è vincente”.

“I distretti del mobile, della sedia e l'economia del legno sono i pilastri su cui ogni giorno lavora il Cluster, da sempre a stretto contatto con le tre aree", dichiara il presidente Franco di Fonzo. "Contiamo di accompagnare i distretti verso il futuro, in stretta sinergia con la Regione con la quale si sta lavorando intensamente al Piano di sviluppo del settore del legno-arredo Fvg”.

Centinaia le imprese che, nei mesi scorsi, hanno aderito al progetto Sistema Fvg del Cluster, consentendo la fornitura, grazie al partner dell’ufficio Cluster in Cina, di migliaia di mascherine al settore Arredo e non solo. “Ora, invece, è tutto in made Fvg", conclude Piemonte. "Ringraziamo chi crede e ha creduto nelle proposte del Cluster durante i giorni di emergenza: grazie a loro oggi possiamo aiutare famiglie e scuole a sostenere il futuro del nostro comparto”.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori