Home / Tendenze / Sagra di Casarsa, via alla festa del vino

Sagra di Casarsa, via alla festa del vino

Inaugurazione ufficiale il 25 aprile alle 17 alla Cantina La Delizia. Ecco tutto il programma della manifestazione

Sagra di Casarsa, via alla festa del vino

Il taglio del nastro di questa edizione della Sagra, che ogni anno richiama 200 mila presenze da tutto il Friuli Venezia Giulia e dal Veneto, è previsto il 25 aprile alle 17.Una inaugurazione che prevede due momenti. Il primo nella sala convegni della cantina dei Viticoltori La Delizia con l’avvio istituzionale della Sagra con gli interventi delle autorità. Successivamente ci si sposterà nel piazzale antistante: qui la cantina La Delizia presenterà il Tir con il maxi schermo che sarà utilizzato per il Giro d’Italia e che trasmetterà le immagini della inaugurazione.

Saranno poi presentate le nuove linee della cantina La Delizia, Sass Ter vini fermi e Naonis vini spumanti, e il restyling della nuova etichetta e le iniziative che la cantina ha promosso per l’Adunata degli Alpini, dal 9 all’11 maggio a Pordenone, di cui è partner: per l’occasione la cantina sarà aperta per le visite, funzioneranno alcuni chioschi enogastronomici nell’area e degustazioni in piazza XX Settembre a Pordenone. L’inaugurazione si concluderà con il brindisi con i Vini La Delizia e il taglio della torta della Sagra del Vino preparata dalla Pasticceria Da Luciano di Casarsa in collaborazione con la Cake Designer Orietta Basso. Ad animare l’inaugurazione ci sarà Claudio Moretti. Ospite d’eccezione Bruno Pizzul. Sarà il via ufficiale per la kermesse che fino al 5 maggio proporrà un centinaio di appuntamenti, dalla cultura all’enogastronomia, dalla musica allo sport.

Sagra del Vino di Casarsa della Delizia non è solamente festa, ma anche occasione per approfondimenti economici e culturali. Due gli appuntamenti in programma sabato 26 aprile: un convegno sul turismo culturale e una tavola rotonda sulle figure e le opere di Pier Paolo Pasolini e Cesare Pavese.
Alle 10.30 al ridotto del teatro Pasolini è in programma il convegno “Il turismo culturale: come valorizzare il nostro territorio grazie a quello che la storia ci ha lasciato: poeti, poesie e paesaggio” organizzato dall’amministrazione comunale e dall’Associazione Nazionale Città del Vino.
Dopo i saluti delle autorità, il tema sarà al centro di una tavola rotonda con gli interventi di Magda Antonioli Corigliano, direttore del master di economia del turismo all’Università Bocconi di Milano che parlerà di “Cultura, heritage e turismo: reputazione e brand letterari per la promozione integrata del territorio”, Ugo Morelli dell’Università di Bergamo che affronterà il tema “Paesaggio lingua madre” e Alessio Catalini, saggista e autore che interverrà su “L’uso della letteratura in chiave patrimoniale. Come gli scrittori trasformano, a livello simbolico, identitario e turistico, i territori in cui affondano le loro radici”.
Seguirà poi un interessante incontro dal titolo “Eccellenze del turismo culturale a confronto”, tra tre realtà che fanno riferimento a altrettanti scrittori famosi: Francesco Valenti di Santa Maria del Belice, Lavinia Clarotto di Casarsa della Delizia e Luigi Genesio Icardi di Santo Stefano Belbo, sindaci dei comuni legati alle figure di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, Pier Paolo Pasolini e Cesare Pavese.

Il gemellaggio che ogni anno la Pro Casarsa della Delizia promuove con un’altra realtà dalla tradizione vitivinicola, quest’anno riserva una novità. La scelta è caduta sulla cittadina piemontese di Santo Stefano Belbo, paese di Cesare Pavese. Ne è nato anche un gemellaggio culturale grazie al Centro Studi Pier Paolo Pasolini che ha promosso un convegno e una mostra.
Nel pomeriggio, alle 17.30 a Casa Colussi si confronteranno Pierluigi Vaccaneo, direttore della Fondazione Pavese, Luigi Gatti, presidente del Cepam, Centro Pavesano Museo Casa Natale, e Angela Felice, direttore del Centro Studi Pier Paolo Pasolini, sulle attività e le prospettive delle case poetiche.
Seguirà la conferenza dello studioso e critico letterario Massimo Raffaelli che parlerà di “Opposti/complementari: Pavese e Pasolini” approfondendo le tracce dei rapporti tra i due scrittori, indagandone affinità e divergenze.
Alle 18 saranno inaugurate le mostre “Stanze di poesia. Le case di Pasolini e Pavese” con immagini di William Gemetti, Monica Cillario, Guido Harari e Mario Dondero.

La giornata sarà completata dalle visite al luoghi pasoliniani con guide particolari: i giovani studenti dell’Istituto Comprensivo di Casarsa e dei licei Le Filandiere di San Vito al Tagliamento e Leo-Major di Pordenone che accompagneranno i visitatori nei luoghi legati alla vita dello scrittore di origine casarsese. Giovani che hanno debuttato nelle giornate Fai di primavera di fine marzo con grande successo.
In quella occasione era stato anche lanciato un progetto legato al social network fotografico Instagram per le foto dei luoghi di Pasolini: dopo una selezione di una apposita giuria le immagini saranno esposte in una mostra che sarà inaugurata nel tardo pomeriggio di sabato 26 aprile.

Il 27 aprile mercatini tutto il giorno in via Menotti, animazioni per bimbi, musica e altro ancora.

La Sagra del Vino è organizzata dalla Pro Casarsa della Delizia con l’amministrazione comunale, la Cantina dei Viticoltori La Delizia, e il sostegno della Provincia di Pordenone, di Coop Casarsa, Friulovest Banca e l’Unpli del Friuli Venezia Giulia.
L’hashtag della Sagra del Vino è #sagravinocasarsa

LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori