Home / Tendenze / Successo per la finale di nazionale di Dog Balance a Ruda

Successo per la finale di nazionale di Dog Balance a Ruda

A Ruda oltre 140 binomi con 60 cani iscritti in finale

Successo per la finale di nazionale di Dog Balance a Ruda

Domenica 24 novembre si è disputata a Ruda la finale nazionale di Dog Balance, emergente disciplina sportiva cinofila. Attività che vede come protagonista l’allenamento psico-fisico dei quattro zampe che mette in stretta comunicazione uomo-cane.

Si può dire che il Friuli Venezia Giulia, nello specifico il centro cinofilo Sheepdog Isontino, ha scritto la storia di una disciplina cinofila creata e promossa da Annalisa Badi (responsabile nazionale Dog Balance Csen).

“È un percorso iniziato sette anni fa ma concretizzato negli ultimi anni in cui il Dog Balance è cresciuto esponenzialmente – raccontano gli organizzatori. Da stage di divulgazione dell’attività a corsi di formazione per tecnici a gare sul territorio fino ad approdare ad una finale di campionato nazionale. Numericamente parlando hanno gareggiato oltre 140 binomi nelle diverse categorie con una media di 50 partecipanti a gara per arrivare alla finale con oltre 60 cani iscritti; numeri davvero importanti per un settore della cinofilia emergente”.

Domenica, per la prima volta in Italia, sono stati proclamati i vincitori nazionali del Dog Balance Csen: Antonella Curci con Cora (categoria Avviamento Mini), Martina Bossi con Cuspide (categoria Avviamento Small/Medium), Valeria Migliaccio con Sila (categoria Avviamento Large/Extra), Deborah Cortiana con Coca (categoria B1 Small), Deborah Cortiana con Malibù (categoria B1 Medium) e Werther Grdina con Hook (categoria B1 Large). Per l’occasione è stata consegnata anche la coppa per il maggior numero di iscritti del club ospitante vinto da Itinera Agility Club di Ferrara.

“L’aspetto più straordinario non è aver catturato così tanti binomi tra Friuli, Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Marche e Toscana ma è la collaborazione e sintonia che ha caratterizzato ogni tappa di questo torneo. L’ambiente sportivo rilassato e pronti ad aiutarsi l’un l’altro è la magia che Annalisa Badi è riuscita a creare grazie all’aiuto di persone fidate che caratterizza tutt’ora questa eccezionale disciplina”, concludono.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori