Home / Tendenze / Ultimi giorni per visitare il presepe di Selz di Ronchi

Ultimi giorni per visitare il presepe di Selz di Ronchi

Allestito nella chiesetta di Santa Domenica da Corrado Gon, potrà essere ammirato fino al 17 gennaio

Ultimi giorni per visitare il presepe di Selz di Ronchi

C'è ancora tempo, a Ronchi dei Legionari, per visitare il presepe animato allestito, nella chiesetta di Santa Domenica, nel rione di Selz, da Corrado Gon.

La splendida opera, riprodotta in miniatura anche alla gelateria “Il Dolcefreddo” di via Roma, potrà essere ammirata fino al 17 gennaio, nei pomeriggi, dalle 14.30 alle 17.30. Gon aveva solo 14 anni quando, nel 1981, iniziò a lavorare attorno a un’opera che si sviluppa in un suggestivo scenario fatto di luci e di suoni, accompagnate da una voce narrante. La sua opera si sviluppa su una superficie totale di 16 metri quadrati.

L’autore lavora certosinamente per curare ogni particolare e renderlo il più reale possibile: naturalezza dei movimenti, colori, vesti, terre, illuminazione pallida e antica, così da creare una totale armonia. Un unico a motore aziona le 420 figure, qualcosa di mai visto nel resto d'Italia, ma anche tutto il resto non è da meno.

Il visitatore si trova davanti a una riproduzione storica in scala. Minuziosa, accurata e fedele dei luoghi di Gesù con il paesaggio, le palme che dominano ombreggianti e maestose, i cespugli, gli arbusti e le famose colline con gli ulivi secolari, con tutti i suoi caratteristici colori caldi di quelle terre friabili, argillose e sabbiose.

Al centro di questo meraviglioso paesaggio, perfettamente inserita, e ben visibile a colpo d’occhio, la scena della natività. “Continuo con la stessa energia e la passione di sempre – sono le sue parole – a ricercare e a creare delle novità. La nascita di Gesù è naturalmente il centro della scena, ma tutto attorno sono state create situazioni di vita quotidiana del mondo rurale di un tempo che, di anno in anno, si arricchiscono per dare sempre maggiori occasioni al visitatore”.

Un sacrificio, anche sotto il profilo economico, quello di Corrado Gon. Il tutto è suddiviso in 12 blocchi, sia per facilitarne il trasporto, sia per il non certo trascurabile peso delle parti che varia tra i 50 e i 70 chilogrammi.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori