Home / Tendenze / Via i contenitori gialli per la raccolta dei vestiti dalle strade di Gorizia

Via i contenitori gialli per la raccolta dei vestiti dalle strade di Gorizia

Non esiste alcuna autorizzazione comunale per la loro presenza

Via i contenitori gialli per la raccolta dei vestiti dalle strade di Gorizia

Da metà agosto i cittadini goriziani non trovano più nel territorio comunale i contenitori gialli per la raccolta degli indumenti usati recanti il logo Caritas diocesanaGorizia. È venuta quindi meno una presenza risalente in città alla metà degli anni ’90.

Come comunicato ripetutamente in passato anche attraverso i mezzi di comunicazione locale, negli ultimi anni la raccolta è stata effettuata, su incarico di Caritas diocesana di Gorizia, dalla cooperativa sociale Nascente di Udine, attraverso l’impiego di persone in situazione di disagio e svantaggio sociale: alla cooperativa andavano anche gli utili di detta raccolta.

I vestiti depositati in quelli che solitamente sono individuati come ‘cassonetti gialli’ vengono avviati nei centri di smistamento dove il materiale viene selezionato da ditte specializzate. I vestiti in buono stato vengono venduti nei mercatini dell’usato, mentre quelli non più utilizzabili vengono avviati al riciclo per la produzione di nuovi tessuti.

Nelle scorse settimane, però, da parte dell’amministrazione comunale di Gorizia è stato segnalato a Caritas diocesana Gorizia che non essendo state “reperite autorizzazioni all’occupazione del suolo pubblico per il posizionamento di detti contenitori, né equivalenti atti di natura contrattuale”, in base alle attuali risultanze, gli stessi “risulterebbero collocati abusivamente su suolo pubblico” e che ”non sussistono rapporti di natura contrattuale per la gestione di rifiuti urbani con soggetti diversi dalla società ‘in house’ allo scopo costituita”.

“Gli abiti usati raccolti su cassonetti posti in aree pubbliche - sottolinea ancora il Comune - costituiscono a tutti gli effetti rifiuti urbani che come tali, in base all’art. 198 del D.Lgs 152/2006 e s.m.i., devono essere gestiti dal Comune in regime di privativa tramite il gestore del servizio integrato dei rifiuti urbani”. “Rimane la possibilità - sottolinea il Settore Tutela dell’Ambiente del Comune di Gorizia - per i privati di conferire in donazione gratuita gli abiti usati direttamente presso le sedi operative dei soggetti donatari, conformemente a quanto previsto dall’art. 14 della L. 166/2016, essendo sottratti alla normativa sui rifiuti salvo quanto eventualmente non suscettibile di riutilizzo.

Caritas diocesana di Gorizia comunica quindi di avere provveduto nei giorni scorsi alla rimozione definitiva di tutti i contenitori gialli per la raccolta degli indumenti dal territorio comunale di Gorizia e ringrazia tutti i cittadini che in questi cinque lustri con i loro conferimenti hanno permesso il sostegno a tante situazioni di disagio e difficoltà economica e sociale.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori