Home / Viaggi / Alla scoperta della primavera astronomica

Alla scoperta della primavera astronomica

Domenica 24 marzo, all’Immaginario Scientifico di Pordenone, ogni ora dalle 15, visite speciali al planetario Cosmo

Alla scoperta della primavera astronomica

Il 20 marzo l'equinozio di primavera segna l'inizio della nuova stagione: ma cosa succede a livello astronomico in questo periodo? Per scoprirlo, domenica 24 marzo all’Immaginario Scientifico di Pordenone, a Torre, adulti e bambini sopra i 6 anni potranno partecipare alle speciali visite guidate al planetario, in programma ogni ora a partire dalle 15.00.
I curiosi di scienza e astronomia potranno esplorare la volta celeste, proiettata sulla cupola del planetario, per imparare qualcosa di più sui movimenti della Terra, sul suo piano d’inclinazione e sul perché due volte l’anno il giorno e la notte hanno la stessa durata.

I primavera infatti, la notte si accorcia ma nuove stelle e costellazioni diventano visibili solo in questo periodo dell'anno: daremo quindi uno sguardo al cielo, osservando come cambia la posizione della Terra rispetto al Sole nei diversi mesi, e come questo sia legato all’alternarsi delle stagioni, alla temperatura, ai solstizi e, appunto, agli equinozi. Sarà un percorso tra storia e scienza che, grazie agli approfondimenti del planetarista, aiuterà a comprendere meglio anche come misuriamo il tempo e quale legame esista tra il giorno dell’equinozio e le principali festività di diverse religioni.
Le attività sono indicate per adulti e bambini da 6 anni in su. Il costo è di 3,00 euro a persona (ridotto 2,00 euro). Le iscrizioni si possono effettuare presso la cassa del museo nel corso della giornata, fino ad esaurimento posti.

Domenica 24 marzo all'Immaginario Scientifico inoltre, nell'orario d'apertura dalle 10.00 alle 18.00 i visitatori di ogni età potranno addentrarsi nel mondo della scienza (senza necessità di prenotazione), curiosando e sperimentando fra gli apparati interattivi. Nello spazio delle multivisioni verrà proiettata Micromondi, per fare un viaggio fra immagini e musiche nel grande mondo del microscopicamente piccolo: proprio il 24 marzo 1882 lo scienziato tedesco Robert Koch dichiarò la scoperta del bacillo responsabile della tubercolosi. Protagoniste della multivisione sono infatti le immagini (prodotte con il microscopio elettronico a scansione e colorate digitalmente) di oggetti naturali, come i cristalli, i batteri, e gli insetti, e artificiali, fra cui il velcro, un filamento di lampadina, e una calza trasparente!

Informazioni: 0434 542455, www.immaginarioscientifico.it

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori