Home / Viaggi / Intervento di recupero della baia di Grignano

Intervento di recupero della baia di Grignano

La Regione sostiene l'opera di riqualificazione con uno stanziamento di quasi 5 milioni di euro

Intervento di recupero della baia di Grignano

La riqualificazione della baia di Grignano favorirà il rilancio dell'area e agevolerà l'accesso al Castello di Miramare, grazie all'ascensore panoramico, con ricadute positive dal punto di turistico e, di conseguenza occupazionale. La Regione sostiene l'opera con uno stanziamento di quasi 5 milioni di euro e l'auspicio è ora che gli enti coinvolti rilasciano rapidamente le ultime autorizzazioni necessarie per avviare nel minor tempo possibile il cantiere.

È questo, in sintesi, il pensiero espresso dal governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, che questa mattina, assieme all'assessore regionale alle infrastrutture Graziano Pizzimenti e al sindaco di Trieste, ha presentato il progetto, che contempla l'integrale riqualificazione del porto di Grignano così da modernizzare, ottimizzare e rilanciare un'area di assoluto pregio paesaggistico e grande valenza turistica attraverso il collegamento con il Castello di Miramare, la presenza concessioni marittime e lo sviluppo di esercizi commerciali.

Gli esponenti della Giunta Fvg hanno spiegato che al momento nella zona sussistono disagi alla viabilità causati dall'innalzamento delle radici degli alberi presenti nelle aiuole che delimitano l'area. Attraverso l'intervento programmato dalla Regione verrà quindi valorizzata la vocazione turistica e l'attrattività paesaggistica dell'area di Grignano ed è già allo studio da parte della Regione un sistema di accesso e sosta che consentirà di indirizzare i turisti diretti a Miramare anche a Grignano.

Fedriga e Pizzimenti hanno evidenziato che l'intervento prevede in particolare la sistemazione dei sottoservizi, che in questo momento versano in condizioni precarie; il rifacimento del piano viario con pietre prevalentemente locali eliminando la superficie asfaltata; il ripensamento del transito e della sosta dei pullman turistici e di linea; la creazione di aree relax destinate ai visitatori; la riqualificazione degli spazi pedonali con raccordi e pendenze tali da agevolare l'accessibilità a soggetti con difficoltà motorie e individuando un percorso che costituirà una sorta di "passeggiata a mare" e, infine, l'attesa realizzazione dell'ascensore panoramico per il collegamento al parco del Castello di Miramare.

L'azione di recupero consentirà, inoltre, di risolvere le problematiche causate dalle radici dei pini marittimi posti nell'area tutelando le alberature esistenti. Sarà infatti attuato un intervento conservativo progettato da esperti del settore simile a quello realizzato sul lungomare di Lignano.

L'assessore Pizzimenti ha quindi aggiunto che l'intervento a Duino si inserisce nell'ampio contesto di azioni regionali a favore degli insediamenti costieri; a quello avviato a Duino seguiranno quindi gli interventi di Grignano, Grado e Marano

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori